Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Italtel: un’Europa ‘borderless’ e con un singolo mercato digitale

pittogramma Zerouno

Italtel: un’Europa ‘borderless’ e con un singolo mercato digitale

10 Set 2014

di Patrizia Fabbri

“Credo fortemente in un’Europa ‘borderless’ senza confini nazionali e con un singolo mercato digitale. Dobbiamo rendere omogenee e più rapide le standardizzazioni e semplificare le regole, unificandole, per arrivare a una regolamentazione unica per tutta l’Europa con l’obiettivo di stimolare gli investimenti in reti di nuova generazione e assicurare un giusto ritorno degli stessi”, è il commento di Stefano Pileri, Amministratore Delegato di Italtel, che ha preso parte al programma istituzionale di Digital Venice 2014.

“Credo fortemente in un’Europa ‘borderless’ senza confini nazionali e con un singolo mercato digitale. Dobbiamo rendere omogenee e più rapide le standardizzazioni e semplificare le regole, unificandole, per arrivare a una regolamentazione unica per tutta l’Europa con l’obiettivo di stimolare gli investimenti in reti di nuova generazione e assicurare un giusto ritorno degli stessi”, è il commento di Stefano Pileri, Amministratore Delegato di Italtel, che ha preso parte al programma istituzionale di Digital Venice 2014.

Stefano Pileri, Amministratore Delegato di Italtel

“La Venice Declaration riconferma gli obiettivi relativi alle infrastrutture per Ultra-Fast Internet così come già indicati nella Digital Agenda Europea 2020. Occorre riconoscere, nell’ambito delle infrastrutture per l’Ultra-Fast Internet, il valore della differenziazione della qualità del servizio e della qualità di interconnessione, avendo la certezza di rispondere, con la notevole capacità prevista, anche alle esigenze di net neutrality”, ha poi proseguito Pileri.
“Occorre puntare a una politica europea per la Ricerca e Innovazione che abbia obiettivi ben definiti focalizzati sulle quattro tecnologie della rivoluzione digitale: Ultra-Fast Internet, big data, cloud, Internet of Things. Credo che le tecnologie digitali, i processi e le competenze siano il vero ‘X factor’ per la crescita, la modernizzazione e la produttività. L’Agenda Digitale rappresenta il pilastro delle politiche per la crescita che l’Europa intende lanciare e di conseguenza gli investimenti pubblici europei e dei singoli stati membri non dovrebbero essere considerati all’interno del “Fiscal compact”, ha concluso il top manager.
 

Patrizia Fabbri
Giornalista

Patrizia Fabbri è giornalista professionista dal 1993 e si occupa di tematiche connesse alla trasformazione digitale della società e delle imprese, approfondendone gli aspetti tecnologici. Dopo avere ricoperto la carica di caporedattore di varie testate, consumer e B2B, nell’ambito Information Technology e avere svolto l’attività di free lance per alcuni anni, dal 2004 è giornalista di ZeroUno.

Articolo 1 di 5