Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Yamaha Motor Racing, la tecnologia che fa vincere

pittogramma Zerouno

Yamaha Motor Racing, la tecnologia che fa vincere

11 Set 2015

di Patrizia Fabbri

La scuderia di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo misura, analizza e correla dati tecnici, processandoli in tempo reale con le soluzioni di Siemens PLM Software. Obiettivo: ottimizzare la moto e settarla per consentire ai piloti di rimanere ai vertici delle classifiche.

GERNO DI LESMO – “Non può esserci innovazione se non c’è predisposizione alle sfide e al cambiamento”, a pronunciare queste parole è uno che di sfide se ne intende: Marco Riva, ‎General Manager Operations presso Yamaha Motor Racing, la società (con sede a Gerno di Lesmo – MB) che gestisce le operazioni MotoGP di Yamaha Motor e che, a poche gare dalla fine del Campionato, è in vetta alla Classifica Mondiale Piloti Moto GP con Valentino Rossi al 1° posto e Jorge Lorenzo al 2° detenendo anche, a oggi, il 1° posto nella Classifica Mondiale Costruttori e in quella Team. È a Gerno di Lesmo che i motori, progettati in Giappone dove vengono anche prodotti i singoli componenti, vengono assemblati e collaudati per la stagione di gare e test; nella sede Brianzola viene gestita la parte logistica, amministrativa, la comunicazione e la parte sportiva ovvero la struttura del team. Nelle attività di testing per la preparazione delle moto che è nata e si è sviluppata la partnership con Siemens PLM Software che Riva definisce “una partnership reale, nella quale si trasferiscono conoscenza e innovazione dall’uno all’altro”.

Yamaha Motor Racing ha adottato le soluzioni LMS per il testing e la simulazione di Siemens PLM Software, che consentono di effettuare un'ampia gamma di test tecnici sulle moto, in particolare per il controllo delle vibrazioni e la gestione dati relativi, con l’obiettivo di ottimizzare la dinamica del veicolo. Queste analisi, che vengono effettuate sia in pista, attraverso i sensori posizionati sulle moto, sia in laboratorio, consentono di capire come si comporta dinamicamente la moto (per esempio in un certo punto della pista) e permettono di valutare la miglior messa a punto della moto di Rossi e Lorenzo : “Il setup di una moto può cambiare completamente dal venerdì [quando iniziano le prove ndr] alla gara della domenica”, spiega Riva. Ogni team deve essere in grado di misurare, analizzare e correlare un numero di dati enorme in pochissimo tempo, processandoli in real time ed è quello che il Team riesce a fare con le soluzioni LMS, grazie anche alla loro compatibilità con lo standard Can-bus (standard per la trasmissione dati nelle reti industriali) che consente di utilizzare una enorme quantità di misurazioni.

La tecnologia è dunque una componente sempre più importante per garantire la competitività di un team come quello Yamaha, anche se il fattore umano, e quindi la sensibilità del pilota nel settaggio della moto, rimane fondamentale (ma non tutti i piloti hanno le stesse abilità): “La capacità di analisi del comportamento dei nostri piloti è frutto di un metodo collaudato e di analisi post gara strutturato, frutto di esperienze umane e tecniche sia di Vale che di Jorge con modalità differenti”, spiega Riva.

Franco Megali, Vice President and Managing Director Italy & Mea di Siemens PLM Software, è particolarmente orgoglioso di questa partnership nata 4 anni fa: “In un mondo che è in radicale trasformazione, dove la tecnologia ha impatti ‘disruptive’ sugli stessi business model e può rappresentare il differenziale competitivo, il nostro compito è proprio quello di supportare le aziende nel percepire e capire i segnali innovativi”.

Patrizia Fabbri
Giornalista

Patrizia Fabbri è giornalista professionista dal 1993 e si occupa di tematiche connesse alla trasformazione digitale della società e delle imprese, approfondendone gli aspetti tecnologici. Dopo avere ricoperto la carica di caporedattore di varie testate, consumer e B2B, nell’ambito Information Technology e avere svolto l’attività di free lance per alcuni anni, dal 2004 è giornalista di ZeroUno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3