Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’evoluzione delle tecnologie per la visione artificiale e il riconoscimento degli oggetti

pittogramma Zerouno

Prospettive - Video

L’evoluzione delle tecnologie per la visione artificiale e il riconoscimento degli oggetti

05 Mar 2018

di Redazione

In questo TED Talk sono analizzate tutte le evoluzioni compiute dalla tecnologia per la visione artificiale (ossia quell’insieme di processi che mirano a creare un modello approssimato del mondo reale partendo da immagini bidimensionali, una visione cioè che non si limita all’acquisizione fotografica ma che consente l’interpretazione del contenuto), a partire da quando 10 anni fa, nessuno avrebbe potuto immaginare che un computer sarebbe riuscito a distinguere un cane da un gatto.

Oggi i sistemi per la visione artificiale (un sistema di visione artificiale è costituito dall’integrazione di componenti ottiche, elettroniche e meccaniche che permettono di acquisire, registrare ed elaborare immagini) sanno farlo con una sicurezza del 99 per cento e vanno molto oltre, identificando la razza e così via, riportando cioè tantissime informazioni. Il discorso si sposta quindi su tutte le potenzialità che si aprono grazie a tecnologie di visione sempre più raffinate (e veloci), basti pensare ai vari sistemi robotici (per esempio anche per la diagnostica medica) così come alle auto senza pilota.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Intelligenza Artificiale
R
Robotica
L’evoluzione delle tecnologie per la visione artificiale e il riconoscimento degli oggetti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4