Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

BOARD e Coca-Cola European Partners: 48 stabilimenti e 85 magazzini integrati in un’unica piattaforma

pittogramma Zerouno

Publiredazionale

BOARD e Coca-Cola European Partners: 48 stabilimenti e 85 magazzini integrati in un’unica piattaforma

26 Nov 2018

di Board

Come mettere in evidenza la Supply Chain nel settore Fast Moving Consumer Goods e adottare una pianificazione driver-based, dalla produzione alla distribuzione e consegna.

Coca-Cola European Partners (CCEP) è l’azienda indipendente imbottigliatrice di Coca-Cola più grande al mondo. L’azienda è protagonista in uno dei settori più considerevoli del Fast Moving Consumer Goods (FMCG), dal valore di oltre 100 miliardi di Euro.

Il progetto BOARD in sintesi

Area organizzativa:
Supply Chain Finance
Soluzione implementata:
Integrated Corporate Planning – Driver Based Supply Chain Planning e Forecasting
Ambito di progetto:
Manufacturing (48 plants), Warehousing (85 sites), Cold Drinks Operations & Logistics
Tipologe di utente:
CFO, Responsabili di Supply Chain Management, Controller, Department e Plant Manager

Come rendere visibili le parti “in ombra” della Supply Chain

Ivan Evstatiev, Senior Manager, Planning & Performance Management di Coca Cola European Partners, ha spiegato che il Gruppo ha scelto BOARD per trasformare la parte finance della propria Supply Chain implementando una pianificazione basata su driver.

Ivan Evstatiev, Senior Manager, Planning & Performance Management di Coca Cola European Partners

Il concetto di Driver-Based Planning può essere sintetizzato in un’unica espressione: pianificazione finanziaria spiegata attraverso dati operativi e business driver (o metriche di business, Key Business Indicators – KBI).
Unificando BI e Performance Management, BOARD è stato in grado di rispondere a uno dei requisiti più importanti dell’approccio driver-based planning, ossia “la capacità di selezionare proprio quelle variabili (i driver) che sono tangibili e concrete in termini di controllo di gestione, colmando il divario tra analisi e pianificazione in carico ai team finance e analisi e pianificazione gestite dai team operativi”, ha spiegato Evstatiev.
“Ciò che riusciamo a controllare e gestire con BOARD è sostanzialmente la miriade di attività che una Supply Chain moderna implica oggi”, ha aggiunto Ivan Evstatiev. “Nel nostro caso significa 48 stabilimenti, 85 magazzini, tutto quello che si può immaginare relativamente alla distribuzione e commercializzazione, fino alla singola divisione locale, e così via. Tutto è integrato nella piattaforma BOARD: ogni sito produttivo, ogni stabilimento e qualsiasi aspetto della logistica.”
Grazie a BOARD l’azienda può effettuare automaticamente il consolidamento completo di tutte le entità in tutte le diverse Country, assicurando la data consistency e fornendo insight significativi sui risultati finanziari e operativi.
All’interno della piattaforma BOARD, i gruppi di lavoro di Coca-Cola hanno a disposizione un bottone con scritto: ‘approve all’: “Noi chiamiamo quel piccolo bottone rosso ‘la madre di tutti i bottoni’, proprio perché ci permette di consolidare in un solo secondo!”, ha esclamato Evstatiev.

Board

Argomenti trattati

Aziende

Board

Approfondimenti

F
Finance
S
Supply Chain
BOARD e Coca-Cola European Partners: 48 stabilimenti e 85 magazzini integrati in un’unica piattaforma

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3