Nutanix Objects 2.0, le novità per gli ambienti big data analytics

pittogramma Zerouno

News

Nutanix Objects 2.0, le novità per gli ambienti big data analytics

Il vendor ha progettato nuove funzionalità per le applicazioni di analisi dei dati e per lo storage dei dati non strutturati

26 Mar 2020

di Redazione

La piattaforma Nutanix Objects 2.0 è stata potenziata con nuove funzionalità che includono in primo luogo maggiore capacità per l’object storage.

La soluzione Nutanix offre supporto multi-cluster per fornire spazio a oggetti infinitamente scalabile. L’eliminazione dei perimetri del singolo cluster consente ai team di sfruttare un unico namespace per più cluster Nutanix, gestito da un’unica console. Consente inoltre ai team IT di sfruttare la capacità di storage inutilizzata in qualsiasi punto del loro ambiente Nutanix per una maggiore ottimizzazione delle risorse.

Inoltre, Nutanix Objects 2.0 ora supporta nodi ad alta capacità fino a 240TB di storage, permettendo di creare archivi di oggetti di svariati petabyte con un unico cluster Nutanix.

Infine, sul fronte della sicurezza, gli utenti di Nutanix Objects 2.0 possono beneficiare di funzionalità WORM (Write Once Read Many) per proteggere i contenuti senza dover necessariamente ricorrere al versioning per essere conformi con le diverse norme e regolamentazioni.

WHITEPAPER
Data Strategy: quali sono le 3 fasi principali del processo di relazione con il cliente?
Big Data
Marketing

“La trasformazione digitale – ha dichiarato Amita Potnis, Direttore della Ricerca del team Storage di IDC – richiede uno storage con una scalabilità elevatissima per i carichi di lavoro aziendali. Lo storage ad oggetti si sta affermando come l’opzione ideale per le applicazioni di nuova generazione e per i Big Data. Dal momento che l’object storage sta transitando dagli ambienti cloud al datacenter e alle applicazioni mission critical, diventa importante che i costi siano bilanciati con le prestazioni. Nutanix è apprezzata per la flessibilità e la semplicità offerta dalle sue soluzioni. Il supporto multi-cluster e la certificazione Splunk SmartStore di Nutanix Objects permetterà un’eccezionale scalabilità, garantendo le prestazioni richieste dai carichi di lavoro ad un costo adeguato”.

“Tutte le aziende – ha commentato Greg Smith, VP of Product Marketing di Nutanix – si stanno attrezzando per sfruttare al massimo i dati di cui dispongono. Scalabilità e prestazioni eccezionali a costi competitivi sono requisiti fondamentali per le applicazioni Big Data. La piattaforma Nutanix, grazie all’object storage multi-cluster, offre una soluzione molto interessante per la conservazione di dati non strutturati che sfrutta le risorse di archiviazione esistenti, con una conseguente ottimizzazione dei costi”.

La nuova certificazione Splunk

Nutanix Objects ha ottenuto la certificazione di compatibilità con Splunk SmartStore, permettendo agli utenti di gestire in modo semplice e ottimizzato la crescita di dati Splunk con Nutanix Objects. I clienti di entrambe le aziende possono eseguire carichi di lavoro Splunk sul software Nutanix, e sfruttare Nutanix Objects per lo storage integrato al fine di supportare i loro ambienti Splunk.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Nutanix Objects 2.0, le novità per gli ambienti big data analytics

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4