Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Mining di criptovalute, a gennaio nel mirino degli hacker

pittogramma Zerouno

News

Mining di criptovalute, a gennaio nel mirino degli hacker

08 Mar 2018

di Redazione

Tutti i dati relativi ai malware del primo mese di quest’anno, sono stati pubblicati nel Global Threat Impact Index di Check Point Software che, tra l’altro, unica nota positiva, rileva che l’Italia perde ben 35 posizioni nella classifica dei Paesi più colpiti dagli attacchi informatici

Check Point Software Technologies ha pubblicato i dati del Global Threat Impact Index (che si avvale dell’intelligence ThreatCloud dell’azienda, la rete che collabora contro i cybercriminali e fornisce dati sulle minacce e sull’andamento degli attacchi alla sicurezza informatica attraverso una rete globale di sensori delle minacce) relative ai top malware del mese di gennaio. È emersa una massiccia presenza di malware per il mining di criptovalute, nello specifico: il 23% delle organizzazioni è stato colpito dalla variante di Coinhive (uno script di mining che utilizza la CPU degli utenti che visitano determinati siti web per minare la criptovaluta Monero) a livello mondiale.

Anche in Italia Conhive si è posizionato al primo posto nella classifica dei malware più diffusi, seguito da Fireball, il malware che prende il controllo dei browser, trasformandoli in zombie scoperto da Check Point lo scorso maggio e da Nivdort, una famiglia di trojan che colpisce la piattaforma Windows.

Nonostante questi dati, l’Italia si è comportata bene scivolando di oltre 35 posizioni nella classifica dei Paesi più attaccati e fermandosi alla posizione 114 (a dicembre 2017 occupava la posizione numero 75).

“Negli ultimi tre mesi – ha dichiarato Maya Horowitz, Threat Intelligence Group Manager di Check Point – i malware per il cryptomining sono diventati una minaccia crescente per le organizzazioni, poiché i criminali hanno scoperto che si tratta di una fonte incredibile di guadagno. È davvero complicato prevenirli, poiché spesso sono celati nei siti web, permettendo così agli hacker di servirsi di vittime innocenti per sfruttare la potenza delle CPU che molte aziende hanno a disposizione. Per questo motivo, è fondamentale che le organizzazioni si dotino di soluzioni in grado di prevenire questi attacchi informatici per così dire segreti”.

I 3 malware per dispositivi mobili più diffusi a gennaio 2018

Lokibot è stato il malware più diffuso utilizzato per attaccare i dispositivi mobile delle organizzazioni, si tratta di un trojan bancario che colpisce i sistemi Android e che ruba informazioni, può anche trasformarsi in un ransomware che blocca il telefono rimuovendo i privilegi dell’amministratore.

In seconda posizione si colloca Triada che è un malware modulare per Android che sferra l’attacco tramite una backdoor che concede privilegi amministrativi a malware scaricati.

Hiddad è, inoltre, un malware Android che riconfeziona app legali e poi le consegna a un negozio di terze parti.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Argomenti trattati

Approfondimenti

D
Data Protection
H
hacker
M
Malware
R
Ransomware
Mining di criptovalute, a gennaio nel mirino degli hacker

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4