Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’economia sotterranea dei cybercriminali sotto la lente di Symantec

pittogramma Zerouno

L’economia sotterranea dei cybercriminali sotto la lente di Symantec

03 Dic 2008

di Riccardo Cervelli

Potrebbe ammontare a 276 milioni di dollari il reddito annuo del cybercrimine derivante dalla vendita di beni illecitamente sottratti e da frodi finanziarie. Il condizionale è d’obbligo ma la serietà della fonte, l’organizzazione Security Technology and Response (Star) di Symantec, rende il dato attendibile. Il pool di esperti di sicurezza, analisti e ricercatori della multinazionale specializzata in security, storage management e system management, ha ottenuto questo dato calcolando il valore totale della mercanzia messa in commercio da cybercriminali singolo o organizzati nel periodo 1 luglio 2006 – 30 giugno 2008. “Report on the Underground Economy” è il titolo di questo studio recentemente pubblicato.
Ma cosa si intende per prodotti illecitamente sottratti e rivenduti? Per il 31% si tratta d’informazioni riguardanti le carte di credito, offerte sui siti “underground” a prezzi vanno da 0,10 a 25 dollari a carta. Considerando che il limite medio di utilizzo di queste carte supera i 4.000 dollari, Symantec ha calcolato che il valore potenziale di tutte le credit card interessate da questo traffico sia stato pari a 5,3 miliardi di dollari. Al secondo posto (con il 20%) tra i beni in vendita sugli scaffali della malavita online figurano i dati sui conti correnti bancari. Se si considera che la disponibilità media di questi sia pari a 40.000 dollari e che, una volta ottenute le informazioni necessarie, possano bastare quindici minuti per svuotare un conto corrente trasferendone i fondi verso destinazioni difficilmente rintracciabili, parliamo di un business illecito potenziale di 1,7 miliardi di dollari. Allo Star risulta che le anagrafiche e dei codici per accedere a questi conti siano proposti sul mercato “sotterraneo” a costi variabili tra i dieci e i 10.000 dollari l’uno.
Che fare? “Come ha reso evidente il rapporto – afferma Giancarlo Marengo, country manager di Symantec Italia – oggi i cybercriminali proliferano grazie alle informazioni che sono in grado di raccogliere senza permesso da parte dei consumatori e delle aziende. Questi soggetti, siano essi singoli individui o veri e propri gruppi organizzati, continuano a mettere a punto nuovi strumenti e nuove tecniche per defraudare utenti legittimi in tutto il mondo, motivo per cui la protezione e la mitigazione di questo tipo di attacchi deve diventare una priorità a livello internazionale”.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Business
S
System Management

Articolo 1 di 5