Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’Italia ai primi posti nel panorama delle minacce informatiche

pittogramma Zerouno

Report

L’Italia ai primi posti nel panorama delle minacce informatiche

10 Mar 2015

di Anna Ferrari da Digital4

Virus e minacce informatiche: Trend Micro ha presentato il Report “2014, l’anno peggiore” . Il nostro Paese è stato uno dei Paesi più colpiti dagli attacchi dei crypto-ransomware

Gastone Nencini, nuovo country manager Tren MicroNel 2014 sono stati bloccati 10 miliardi di virus e file maligni da parte di Trend Micro, il doppio rispetto al 2013. Sono i numeri emersi dal Report “2014, l’anno peggiore”sulle minacce informatiche stilato dall’azienda che si occupa di sicurezza.

L’anno scorso, infatti, ha visto il moltiplicarsi delle violazioni di dati sensibili; ne è un esempio l’attacco cibernetico perpetrato ai danni della Sony che ha dimostrato come i cyber criminali abbiano, ancora di più, affinato le loro capacità e competenze in fatto di attacchi informatici.

I trend più importanti riguardano i virus e i malware diretti ai sistemi PoS, le minacce informatiche che hanno coinvolto l’online banking e i ransomware che hanno riguardato in particolare l’Italia. Ma cosa è accaduto, nello specifico, nel nostro Paese?

I virus che hanno colpito i sistemi PoS, sono aumentati in modo esponenziale consentendo ai criminali informatici di impossessarsi di milioni di dati; questi hanno colpito negozi, ristoranti e alberghi e in questa classifica, l’Italia risulta essere all’ottavo posto come Paese colpito, mentre ai primi tre posti troviamo Stati Uniti, Canada e UK.

L’anno scorso è cresciuto anche il numero di malware e di virus che criptano i dati presenti nei pc per richiedere un riscatto in denaro in cambio della chiave di decriptazione; in questo caso l’Italia si trova al settimo posto dei Paesi che sono stati maggiormente colpiti, mentre ai primi posti sono Stati Uniti, Giappone e Australia. Ma quando si parla di spam, il nostro Paese purtroppo sale nella classifica trovandosi a ricoprire il quarto posto come Nazione al mondo per spam inviato; ai vertici di questa classifica sempre gli Stati Uniti, seguiti da Spagna e Argentina.

L’italiano risulta poi essere la decima lingua al mondo più utilizzata per i messaggi di spam dopo l’inglese, il tedesco e il giapponese. Un altro primato conquistato dalla nostra nazione riguarda le reti di pc Zombie: in questo caso l’Italia risulta essere al nono posto, mentre nelle prime posizioni restano gli Stati Uniti, il Giappone e l’India.

Nel 2014 abbiamo visto il moltiplicarsi di attacchi basati su tecniche di ingegneria sociale. I virus informatici dilagano. «L’ondata del malware Cryptolocker e numerosi malware diffusi attraverso mobile app hanno causato danni importanti sia alle aziende che agli utenti italiani – ha affermato Gastone Nencini, country manager Trend Micro Italia -. Come sempre, è necessario utilizzare tecnologie affidabili e aggiornate per proteggersi, ma anche mantenere alta la guardia e pensare bene prima di aprire allegati di dubbia provenienza o cliccare su link sospetti».

Anna Ferrari da Digital4

Argomenti trattati

Personaggi

Gastone Nencini

Approfondimenti

R
Ransomware

Articolo 1 di 5