Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Cyber threat intelligence, ecco la proposta Verizon e Anomali

pittogramma Zerouno

News

Cyber threat intelligence, ecco la proposta Verizon e Anomali

04 Lug 2018

di Redazione

La threat intelligence è fruibile attraverso la Threat Platform di Anomali, al fine di fornire informazioni in tempo reale circa le minacce informatiche, queste possono poi essere analizzate dai consulenti esperti del team Professional services di Verizon

Gli attacchi ransomware sono significativamente aumentati rispetto all’anno scorso, lo dice il Data Breach Investigations Report 2018 redatto da Verizon. Nel documento si legge che i dipendenti sono le principali vittime di attacchi di social engineering, dato che il pretexting di tipo finanziario e il phishing rappresentano il 98% degli attacchi di questo tipo e il 93% di tutte le violazioni che sono state prese in esame. Tuttavia, il nuovo servizio offerto da Verizon – il Threat Intelligence Platform Service – permette alle aziende di scovare e far fronte alle minacce informatiche in maniera più efficace.

La soluzione, disponibile su abbonamento, unisce la cyber-threat intelligence che deriva dagli 11 anni di report DBIR, e la consapevolezza di tipo cyber-situational acquisita grazie al Threat Research Advisory Center dell’azienda, il quale tiene traccia delle minacce attraverso la propria dorsale IP globale.

Questa threat intelligence è fruibile attraverso la Threat Platform di Anomali, al fine di fornire informazioni in tempo reale circa le minacce informatiche. Queste, possono poi essere analizzate dai consulenti esperti del team Professional Services di Verizon presenti in loco direttamente presso il cliente, a seconda del livello di servizio richiesto, in modo tale da poter identificare le minacce a monte della catena di distruzione innescata dall’attacco, e reagire efficacemente, trovando il migliore piano d’azione.

Il servizio di cyber-threat intelligence è fornito grazie alla Threat Platform di Anomali, che offre un “centro di controllo” in grado di automatizzare la raccolta e l’integrazione della threat-intelligence, e permette ai team di esperti in sicurezza di compiere analisi efficaci e celeri, rispondendo prontamente alle minacce.

“Stiamo traghettando – ha dichiarato Bryan Sartin, executive director of security professional services di Verizon – la cyber intelligence a un livello successivo, condividendo i nostri dati in ambito cybersecurity con le aziende di tutto il mondo. Verizon offre una delle più grandi reti IP globali, che ci consente di avere la visione completa di un’ampia fetta del traffico di dati globale. Quando queste fonti vengono incrociate con l’intelligence derivante da oltre dieci anni di analisi del nostro DBIR, si ottiene una miniera d’oro in termini di cyber intelligence, molto difficile da eguagliare. Il nuovo Threat Intelligence Platform Service mette questa abilità di scovare in maniera definitiva le minacce informatiche direttamente nelle mani dei nostri clienti. Verizon si è sempre impegnata per fornire a tutti le competenze per potersi unire alla lotta contro i criminali informatici e, questo servizio, rappresenta certamente un altro passo in avanti in questa direzione”.

Colby DeRodeff, co-founder e chief strategy officer di Anomali, ha aggiunto: “Anomali è davvero entusiasta di essere partner tecnologico di Verizon, con questa soluzione. L’automazione e l’analisi precoce, in materia di informazioni di cyber intelligence, è un fattore decisivo per sconfiggere i cyber criminali sul loro stesso terreno. Se utilizzati correttamente, infatti, questi strumenti possono fare la differenza tra la prevenzione di un grave attacco informatico – oppure la paralisi dell’azienda a causa di quest’ultimo.”

Il Threat Intelligence Platform Service di Verizon sarà disponibile a partire dall’autunno 2018, in tutto il mondo. Le aziende potranno scegliere di avvalersi unicamente dei servizi di cui hanno necessità.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Argomenti trattati

Approfondimenti

R
Ransomware

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 4