Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Chi protegge i minori è protetto da Kaspersky Lab

pittogramma Zerouno

Chi protegge i minori è protetto da Kaspersky Lab

12 Gen 2010

di Riccardo Cervelli

Kaspersky Lab ha firmato un accordo annuale con Telefono Azzurro. La società di sicurezza informatica si è impegnata a fornire la soluzione Kaspersky Total Space Security per 250 nodi complessivi.  
Alexander Moiseev, Managing Director di Kaspersky Lab Italia ha così commentato la novità: “Siamo orgogliosi di poter collaborare con un’associazione che da anni si occupa della protezione sui minori dagli abusi e di tutelarne i diritti. Da oggi, grazie alla partnership, saremo noi a proteggere Telefono Azzurro dalle minacce della rete”.
Il Presidente di Telefono Azzurro, Ernesto Caffo, ha aggiunto: “La partnership tra Telefono Azzurro e un’azienda leader nel proprio settore come Kaspersky Lab rappresenta un modello di collaborazione tra mondo delle imprese e realtà del non profit ed è per noi motivo di grande soddisfazione”. Telefono Azzurro deve garantire un’operatività 24 ore su 24 sia attraverso le proprie linee telefoniche (196.96 linea d’ascolto e consulenza dedicata a bambini ed adolescenti, 199.15.15.15 dedicata ad adulti ed operatori, 114-Emergenza Infanzia, 116.000 dedicata ai bambini scomparsi), sia tramite web.
“Un’efficace protezione di tutti gli strumenti informatici e dei dati personali relativi ai casi gestiti – ha concluso Caffo – è di importanza fondamentale per l’associazione e per i propri interlocutori”.

Per approfondire www.azzurro.it/site/renderc088.html?channel=354.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 5