Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Barracuda, crescita continua nel mercato italiano

pittogramma Zerouno

Attualità

Barracuda, crescita continua nel mercato italiano

25 Mag 2017

di Riccardo Cervelli

Nell’intervista a ZeroUno, il country manager italiano esprime soddisfazione per l’andamento del business nel nostro paese e sottolinea alcune peculiarità tecnologiche, di go-to-market, di licensing e di prova su strada

ALPBACH (Austria) – Fin dalla sua fondazione, avvenuta nel 2003 negli Stati Uniti, Barracuda Networks ha iniziato a commercializzare le proprie soluzioni aziendali di IT security, load balancing e data protection anche in Italia. Le tecnologie targate con il brand del pesce aggressivo e territoriale si trovano quindi da diversi anni in molte aziende italiane di diverse dimensioni e industry. Nel caso delle grandi, si tratta in particolare di realtà attive nella produzione, nei servizi, nel retail: “Come Calzedonia che ha livello europeo vanta il più esteso progetto di firewalling Barracuda”, racconta Stefano Pinato, Country Manager del vendor – o come Grimaldi Lines, grande cliente soprattutto di nostre soluzioni di bilanciamento, posizionate per esempio davanti ai siti di prenotazione online, e di backup”, mentre minore è la penetrazione in aziende telco o finance, già da molto più tempo presidiate soprattutto da altri competitor come Check Point, Fortinet o Palo Alto, nella security, o F5 Networks e Radware, nei load balancer.

Stefano Pinato, Country Manager di Barracuda Italia

Un anno di svolta nella presenza di Barracuda nel Vecchio Continente è stato il 2009, con l’acquisizione della austriaca phion AG che produceva (e continua a farlo ancora con il marchio Barracuda) firewall di classe enterprise, annoverando fra i suoi clienti nomi come Swarovski e primarie realtà governative.

In Italia, le operazioni di Barracuda sono guidate dal 2010 da Pinato, nel cui curriculum figurano, fra le altre, primarie aziende nel settore IT e distribuzione quali Adtran, Tech Data, Azlan e NCR. “Il go-to-market di Barracuda – sottolinea il Country Manager – è al 100% attraverso il canale indiretto. Non possiamo fornire dati suddivisi per Paesi [il vendor è quotato al Nyse di New York; ha chiuso a febbraio il fiscal year 2017 con un fatturato di 352,6 milioni di dollari, in crescita del 10% rispetto all’esercizio precedente, ndr], ma posso affermare che siamo molto soddisfatti del nostro business in Italia, ripartito in soluzioni di security, per il 60%, e di data protection, per il restante 40%”.

Fra le soluzioni di Barracuda che hanno avuto successo in Italia fin dal loro debutto spiccano gli anti-spam, seguiti poi dalle soluzioni Web application firewall: “Siamo stati pionieri – sostiene Pinato – nel passare da un meccanismo basato su white e black list di siti, a uno fondato sull’Ip reputation. Una tecnologia in cui sono state incluse via via funzionalità sempre più sofisticate, come la scansione automatica delle foto allegate nei messaggi. E che oggi riscuote molto consenso per la sua capacità di proteggere le email scambiate sulla piattaforma Office 365”.

Altro fiore all’occhiello di Barracuda è un licensing che permette ai clienti, una volta che le appliance sono arrivate ai fatidici 4-5 anni di età, di ricevere gratuitamente hardware nuovo in cambio del solo rinnovo della licenza software. Interessante è la possibilità di usare gratuitamente per 30 giorni le soluzioni sui propri sistemi, anche per poter verificare se sono le più adatte alle proprie esigenze o sono preferibili versioni inferiori o superiori.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 4