RPA, così funziona la robotizzazione di Ammagamma e Gruppo Tea | ZeroUno

RPA, così funziona la robotizzazione di Ammagamma e Gruppo Tea

pittogramma Zerouno

News

RPA, così funziona la robotizzazione di Ammagamma e Gruppo Tea

Dalla collaborazione sono nati percorsi innovativi per lo svolgimento di task tradizionali

31 Mar 2021

di Redazione

Protagoniste di questo progetto RPA (finalizzato all’uso di bot per l’automazione dei processi di backoffice) son le persone di Gruppo Tea che hanno lavorato in stretta sinergia con gli esperti di Ammagamma nelle fasi di sviluppo e testing del progetto. Questa collaborazione attiva ha permesso di individuare percorsi innovativi per lo svolgimento di task tradizionali, che hanno garantito minore perdita di tempo, maggiore sicurezza e minore ridondanza delle attività.

Come spiega Mario Barozzi, Chief Executive Officer di Gruppo Tea: “Il percorso verso l’innovazione deve tenere conto di molti fattori, tra cui superare alcune resistenze e identificare la simbiosi ottimale tra uomo e tecnologia. La trasformazione digitale di un’azienda non si deve basare soltanto sull’adozione di nuove tecnologie, ma in primo luogo sulla creazione di una cultura digitale interna. È necessario coinvolgere le persone, investire in formazione, fare in modo che queste comprendano il valore che la tecnologia può portare al loro lavoro. Ammagamma è stato un forte volano di diffusione di questa cultura al nostro interno”.

Una visione complementare a quella di Ammagamma, che sin dalla sua fondazione ha proposto un nuovo modo di interpretare e raccontare l’Intelligenza Artificiale. È Fabio Ferrari, Presidente di Ammagamma a descriverlo: “La matematica applicata è uno strumento che serve a comprendere meglio i processi e indica nuove strade per migliorarli. L’Intelligenza Artificiale ha il compito di rendere comprensibili le complessità, assicurando maggiore consapevolezza alle persone, che non ne devono essere spaventate. Uno dei nostri compiti è proprio quello di ascoltare il cliente e comprenderne mentalità, paure, aspettative, per elaborare insieme soluzioni capaci di migliorare le performance dei processi e la qualità del lavoro”.

Il progetto di RPA di Gruppo Tea

Gruppo Tea fonda la sua operatività sulla continua innovazione dei processi per offrire ai clienti un servizio efficiente e ai dipendenti una migliore organizzazione del lavoro. Per questo ha scelto di intraprendere un percorso di creazione di bot, adottando la soluzione di Robotic Process Automation, anche per potenziare l’attività di back office.

Obiettivi del progetto erano quelli di alleggerire il carico e migliorare la qualità del lavoro delle persone di back office, velocizzare i processi, ridurre la frequenza di errori. Gli esperti di Ammagamma hanno lavorato per creare bot configurati ad hoc sui processi di back office, programmandoli e testandoli insieme agli operatori e rilasciandoli poi nei vari processi.

I bot consentono lo svolgimento automatizzato di operazioni altamente ripetitive e a basso valore aggiunto, permettendo alle persone coinvolte di dedicarsi ad altre mansioni più qualificate e alla supervisione dei processi. Al momento sono stati robotizzati completamente tre processi di back office (gestione dei flussi di pagamento che arrivano dai vari canali di incasso, gestione pagamenti SDD e presa in carico degli insoluti, oltre ad un’attività di back office generale) permettendo al personale di recuperare ore preziose di lavoro, che vengono dedicate anche ad attività di formazione. Sono inoltre stati recuperati dentro al perimetro di Gruppo Tea alcuni processi precedentemente esternalizzati

“Penso che l’intelligenza artificiale debba essere uno strumento che permette alle persone di ragionare su una mole di dati molto grande con maggiore cognizione di causa. Il bello delle applicazioni di intelligenza artificiale è che spesso, più che darti certezze, ti fanno venire dei dubbi e questo è un fatto positivo, perché nascono domande che costringono le persone a ragionare per trovare nuove risposte” ha concluso Barozzi.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4