Il software-defined storage nelle aziende da visione a realtà | ZeroUno

Il software-defined storage nelle aziende da visione a realtà

pittogramma Zerouno

Attualità

Il software-defined storage nelle aziende da visione a realtà

Visita del top management di Datacore ai partner italiani. Un numero crescente di realtà, fra system integrator e service provider, che trova nel portfolio prodotti del vendor quello che serve per fornire soluzioni ai clienti a problemi che implicano tutti i tipi di dati e ambienti operativi

22 Ott 2021

di Riccardo Cervelli

Storage a blocchi. Storage a file. Storage ad oggetti. E da ultimo storage dedicato ai container, in particolare nella versione di applicazioni stateful. La difficoltà a gestire in modo il più possibile integrato, performante, sicuro e con un occhio ai costi ambienti storage così complessi ha portato negli ultimi anni a entrare fra le priorità di CIO e CEO il tema del Software-defined-storage (SDS). E fra i nomi dei vendor che offrono questa tecnologia ce n’è uno in una fase di particolare crescita in termini di notorietà e business: Datacore.

Nelle scorse settimane il top management della società, fondata nel 1998 e con sede centrale a Ft. Lauderdale, Florida (U.S.A.) è approdato a Milano (dove si trova il suo HQ nazionale) e Roma (dove dispone di una filiale), per incontrare i partner, attraverso i quali il vendor realizza la totalità del proprio fatturato. ZeroUno ha avuto la possibilità di incontrare Dave Zabrowski (CEO), Abhijit Dey (Chief Product Officer) e Rémy Bargoing (Country Manager Italy).

Una realtà di successo nel mondo e in Italia

Prima di entrare nel dettaglio delle novità più recenti in termini di visione e di offerta, forniamo un minimo di informazioni di base sull’azienda. E partiamo dal nostro paese con Bargoing. “Siamo presenti in Italia da più di sei anni – ha esordito – e abbiamo due distributori: Esprinet e Ready Informatica. Grazie a più di 150 system integrator certificati copriamo tutto il territorio nazionale, da Bolzano a Ragusa, e abbiamo 815 clienti finali. A questi si aggiungono più di mille altri clienti provenienti dai 24 service provider (SP) nostri partner. Fra i nostri partner tecnologici principali in Italia figurano Lenovo, Western Digital, Veeam e Commvault. I numeri? Nell’ultimo trimestre abbiamo superato del +170% il nostro obiettivo trimestrale, mentre la crescita anno su anno è stata del 90%. Una parte notevole di questi risultati sono dovuti al successo della transizione dalle vendite tradizionali alle subscription”.

WHITEPAPER
Quali sono le minacce digitali che mettono in pericolo le vendite al dettaglio?
Retail
Sicurezza

Il buon momento – nonostante gli effetti della pandemia di Covid-19 sull’economia – di Datacore Italia, si inserisce anche in quello globale della software house multinazionale americana. Zabrowski ha esordito con una premessa: “Continueremo a investire in Italia, dove ci aspettiamo molto new business nei prossimi anni”. Quindi ha proseguito parlando dell’azienda. “Oggi Datacore è presente nelle principali metropoli del mondo. Abbiamo un cash flow positivo da ben dodici anni. I ricavi sono cresciuti a due cifre anche negli ultimi trimestri, nonostante la crisi sanitaria e in controtendenza rispetto a quanto avvenuto alla maggior parte dei nostri competitor. Il 74% delle nostre revenue sono ricorrenti, il che permette all’azienda di essere ‘predictable’”. Il gross net retention rate di Datacore è pari al 90%; il net retention rate che considera anche gli acquisti di nuovi prodotti, invece, è del 105%. La customer satisfaction è pari a 9,5/10 mentre la soddisfazione dei CEO è del 86%. “Questo significa che abbiamo un 14% di CEO insoddisfatti”, rileva con un sorrisetto Zabrowski.

Un posizionamento unico nell’abbattere i silos

Come spiega il top manager di Datacore, la crescita dell’azienda?

“Noi abbiamo un posizionamento unico sul mercato: siamo quelli che riducono i silos, le isole, storage, che si sono stratificate nelle aziende”, spiega il numero uno dell’azienda. “La nostra promessa – aggiunto – è liberare le aziende dai lock-in verso i software proprietari che gestiscono gli hardware storage degli storage vendor, che sono quasi tutti nati intorno a una delle tipologie di storage: blocchi, file e oggetti”.

Con la strategia One Vision, varata nel 2019, DataCore ha fatto il grande salto da fornitore di software per la virtualizzazione dello storage a quello di un portfolio integrato di soluzioni specifiche per tipologia di storage, agnostiche rispetto all’hardware storage e networking e integrabili con gli ambienti di virtualizzazione IT più diffusi. La più famosa di queste soluzioni, ancora ad oggi, è SANSymphony, per gestione centralizzata e l’automazione dei provisioning dello storage a blocchi implementato in ambienti SAN e HCI. Su questa si è poi aggiunta vFilO, una tecnologia per la virtualizzazione dello storage basato su file e oggetti distribuiti. Un grosso salto in avanti è avvenuto a gennaio 2021 con l’acquisizione di Carlingo e l’aggiunta, quindi, nel portfolio, di Swarm, una soluzione software-defined per la gestione di oggetti che tendono a scalare sempre di più per numero e dimensioni dei data-set. Fra i suoi utenti grandi media (soprattutto per lo streaming on demand), istituzioni che fanno ricerca e utilizzano High Performance Computing (HPC) e servizi sanitari. Strategica è stato anche l’ingresso, con un importante finanziamento, di Datacore in Mayadata, sviluppatore della soluzione open source di container-attached storage (CAS) OpenEBS, che permette di creare storage persistente locale direttamente sulle più diffuse piattaforme Kubernetes e a cui attingono le applicazioni stateful container-based.

Semplificare ai partner l’offerta di soluzioni

“Molte aziende, nel corso degli anni – ha detto Abhijit Dey nel suo intervento – hanno acquistato storage da molti vendor diversi. I clienti sono pieni di rack con hardware e software storage di marchi diversi”. Oggi il problema non è solo quello di gestire in modo semplice, performante sicuro e sostenibile queste complessità non solo in un singolo data center, ma utilizzando diverse infrastrutture on-premise, nel cloud e all’edge” ha aggiunto il Chief Product Officer di Datacore. “Oggi le aziende devono affrontare problemi come la compliance al GDPR o alla protezione dal ransomware. I clienti non chiedono prodotti ma soluzioni. Ci siamo chiesti come semplificare l’offerta di queste soluzioni ai nostri partner. Per questo motivo abbiamo creato una piattaforma software-defined. E abbiamo anche sviluppato Datacore Central [ancora in preview, ndr] che sarà un sito web in cui i partner potranno visualizzare i dati su tutti i loro tipi di storage dei loro clienti e da cui gestire tutte le nostre soluzioni”.

Riccardo Cervelli

Giornalista

Classe 1960, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Argomenti trattati

Approfondimenti

R
Ransomware
Il software-defined storage nelle aziende da visione a realtà

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3