Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Protezione dei dati nei dispositivi mobili: quali sono le maggiori sfide?

pittogramma Zerouno

SICUREZZA

Protezione dei dati nei dispositivi mobili: quali sono le maggiori sfide?

05 Feb 2015

di redazione TechTarget

La sicurezza rientra in ogni strategia di Enterprise Mobility Management. Riguardo la protezione dei dati, quali sono i principali ostacoli a cui i responsabili della governance devono far fronte?

La gestione della mobilità per le aziende è un punto dolente, per la natura stessa della tecnologia, così ubiqua e pervasiva da rendere liquido il perimetro aziendale.

Sono numerose le sfide per chi si deve occcupare di proteggere i dati dei dispositivi mobili.

In ordine di importanza, il pericolo più grande dipende dalla variabilità della connessione. 

Un dispositivo mobile, infatti, in un determinato arco di tempo può essere collegato tramite connessione Ethernet, Wi-Fi o banda larga. Il tipo di collegamento varia notevolmente da dispositivo a dispositivo, da contratto a contratto, da zona a zona.

A seconda del servizio di connessione sottoscritto dall’utente o dall’azienda, le cose cambiano notevolmente perché Ethernet e i servizi Wi-Fi non dipendono dall’utilizzo specifico. Tuttavia, se si tenta di eseguire un backup attraverso una connessione a banda larga, si può ottenere un servizio molto costoso, ma estremamente veloce.


Cosa fare per proteggere il dispositivo mobile
La prima cosa da fare, dicono gli esperti. è assicurarsi di avere una soluzione software o un sistema operativo capace di garantire una connessione a banda larga.

È il caso di Windows 8 che, avendo un approccio di connessione a tassametro, permette di impostare le app in modo da consentire di utilizzare o meno connessioni parametrate al consumo.

L’altro elemento da considerare è il cloud. La maggior parte dei dispositivi mobili sono dotati di un qualche tipo di opzione di archiviazione in cloud.

Con i Chromebooks, è Google Drive, nel caso di PC Windows, è OneDrive mentre per Apple c’è iCloud. Si tratta di soluzioni progettate per proteggere i dati personali del singolo.

La sfida è definire le opzioni per proteggere i dati aziendali. Se i dati critici saranno su qualsiasi dispositivo, è necessario fare in modo di stabilire un livello di protezione centralizzato che garantisca il presidio della governance su ogni tipo di dispostivo, smartphone, tablet o notebook che dir si voglia. Tutto questo è parte integrante dell’Enterprise Mobility Management.

redazione TechTarget

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Backup

Articolo 1 di 5