Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Iperconvergenza, ecco come garantire l’agilità del datacenter

pittogramma Zerouno

Iperconvergenza, ecco come garantire l’agilità del datacenter

30 Ago 2016

di Arianna Leonardi

Nella digital enterprise, servono infrastrutture dinamiche in risposta alle richieste applicative del business, sempre più pressanti. I sistemi iperconvergenti possono rappresentare una via efficace per la flessibilizzazione del datacenter, come discusso durante il Webinar organizzato da ZeroUno in collaborazione con Cisco e il partner PRES, specializzato in soluzioni e servizi Ict.

“Basati su server standard x86 – esordisce Nicoletta Boldrini, giornalista di ZeroUno, nell’introdurre il Webinar Infrastrutture iperconvergenti: percorsi per la nuova flessibilita’ It, organizzato da ZeroUno in collaborazione con Cisco e il partner PRES – l’iperconvergenza offre una valida alternativa per restituire agilità ed efficienza alle architetture It, ma rappresenta anche una soluzione future-ready che permette ai sistemi informativi di interfacciarsi con il cloud pubblico e muovere verso nuovi ambienti ibridi”.

Il tema dell’evoluzione infrastrutturale è stato approfondito da Massimo Ficagna, Senior Advisor dell’Osservatorio Enterprise Application Governance della School of Management del Politecnico di Milano. I datacenter si stanno muovendo verso architetture flessibili: dal legacy alla virtualizzazione, all’automazione, al software-defined, che permette, attraverso suite applicative basate su Api, la governance centralizzata delle risorse computazionali, storage, di rete e di facility.

I relatori del webinar, da sinistra: Nicoletta Boldrini, giornalista di ZeroUno, Massimo Ficagna, Senior Advisor dell’Osservatorio Enterprise Application Governance della School of Management del Politecnico di Milano, Diego Zucca, Alliance Manager and DCV Partner Sales Specialist di Cisco e Cosimo Rizzo, Sales Engineering Manager di PRES, ha invece mostrato i casi d’uso della soluzione Cisco

“Sono stati introdotti progressivamente elementi di agilità – continua Ficagna -: dapprima, i sistemi integrati, che riuniscono soluzioni eterogenee pacchettizzate e preselezionate dal vendor ma gestite da diverse console; successivamente i sistemi convergenti, che sfruttano risorse preingegnerizzate e proprietarie con una governance centralizzata. Il passo successivo sono le soluzioni iperconvergenti, che integrano tecnologie commodity (quindi a costo ridotto), con un layer di virtualizzazione spinta e orchestrazione unificata. Tra i vantaggi, figurano scalabilità (che permette investimenti diluiti nel tempo), configurazione / manutenzione semplificata, nessuna richiesta di competenze specializzate per computing, storage e rete (il team It si snellisce), riduzione dei costi di fornitura / assistenza perché tutto fa capo a un unico vendor”.

Secondo l’Osservatorio Cloud & Ict as-a-service 2015 della School of Management del Politecnico di Milano, le aziende si stanno spostando verso l’uso del Public IaaS (+35% rispetto al 2014), ma anche verso il rinnovamento delle infrastrutture interne (+21%); il paradigma a tendere sarà dunque un hybrid It.

Sistemi iperconvergenti: benefici attesi vs benefici ottenuti. Fonte: Actual tech Media

Una ricerca effettuata da Actual Tech Media nel 2015 ha messo in luce sia i principali driver per la scelta di sistemi iperconvergenti, ovvero efficienza operativa, riduzione dei costi e rinnovamento dell’hardware, sia le discriminanti per la vendor selection, ovvero alta disponibilità, Roi e scalabilità delle funzionalità / performance. “I risultati ottenuti – sottolinea Ficagna -, in particolare maggiore scalabilità, efficienza, velocità di deployment, sono molto vicini ai benefici attesi. Tra le sfide principali per il salto infrastrutturale, si evidenziano, invece, necessità di visione architetturale, standardizzazione, maturazione di nuovi skill, oneri e complessità dell’intervento”.

Come e perché adottare l’iperconvergenza

La parola è quindi passata a Diego Zucca, Alliance Manager and DCV Partner Sales Specialist di Cisco, che ha riassunto la vision del vendor circa l’evoluzione del data center: dal legacy alla virtualizzazione / astrazione degli asset e quindi ai sistemi convergenti, con il salto successivo all’iperconvergenza che si concretizza nella nuova offerta HyperFlex.

Cosimo Rizzo, Sales Engineering Manager di PRES, ha invece mostrato i casi d’uso della soluzione Cisco, sottolineandone le caratteristiche di flessibilità, facilità di implementazione e gestione, resilienza e alta affidabilità. “La piattaforma permette di implementare un modello cloud-like nei datacenter, per cui, grazie all’architettura a nodi, le risorse possono essere scalate facilmente su necessità. HyperFlex si adatta alle aziende con legacy che devono virtualizzare e consolidare risorse come server Sharpoint o Domain Controller.

Mettendo a disposizione memorie Ssd o Flash in maniera agile, la soluzione può essere utile per scalare le capacità di storage in ambienti di test e sviluppo, estremamente dinamici, oppure per avviare iniziative di Virtual Desktop Infrastructure, spesso ostacolate dai costi delle tecnologie di archiviazione. Infine, trova impiego nelle filiali o uffici remoti, perché abilita rapidamente risorse computazionali e di storage in loco, senza necessità di competenze specializzate interne”.

Il punto di vista delle aziende utenti

Dopo scenari ed offerta, è stato il momento della tavola rotonda con la partecipazione degli utenti, che parte da una domanda rivolta loro: qual è la situazione della datacenter transformation in Italia? Il poll lanciato durante la diretta evidenzia una larga maggioranza di aziende (77%) ferme allo stadio di virtualizzazione, mentre il secondo trend (15%) è rappresentato dai sistemi iperconvergenti; solo l’8% delle imprese si trova nella fase intermedia dei sistemi convergenti.

Gli interventi evidenziano un certo scetticismo a sostituire sistemi esistenti ancora performanti. “Non bisogna necessariamente abbandonare il legacy – risponde Ficagna -, ma piuttosto utilizzare i sistemi iperconvergenti in affiancamento, ad esempio per le nuove iniziative”.

Nella discussione, Zucca porta in primo piano i vantaggi dell’iperconvergenza: “Spesso si preferisce non mettere mano a ciò che funziona per non affrontare interventi complessi. Ma si pone poca attenzione ai costi energetici dell’esistente e ai risparmi ottenibili con il passaggio a tecnologie di virtualizzazione e iperconvergenti”.

L’affidabilità è un altro fattore critico di scelta, soprattutto nella vendor selection: “Non tutte le soluzioni iperconvergenti – afferma Zucca – portano i vantaggi attesi di high availability, efficienza e riduzione dei costi. Dipende dalla configurazione del sistema. HyperFlex include, come fattore differenziale, la parte di connettività, che garantisce l’alta disponibilità della soluzione, un plus decisivo in settori sensibili come ad esempio l’Health Care”.

Rizzo fa notare che non bisogna optare per sistemi iperconvergenti tout court (in tutti i casi e applicazioni): “Ad esempio – suggerisce – HyperFlex restituisce il maggiore valore se implementato in affiancamento ad altri sistemi Cisco, con cui ha la massima interoperabilità”.

Sul tema dell’integrazione interviene anche Ficagna: “Il vendor lock-in è un rischio che caratterizza anche le soluzioni tradizionali. I sistemi iperconvergenti, però, non richiedono competenze specifiche interne sulle componenti di computing, storage, networking, rendendo quindi più semplice il passaggio a soluzioni di altri vendor”.


Cisco e PRES per soluzioni di iperconvergenza

Fondata nel 1984 in California, Cisco è oggi tra i maggiori fornitori globali di tecnologie di networking. Tra i suoi partner, PRES è una società torinese che offre servizi di progettazione e realizzazione di soluzioni It, con un focus su consulenza e formazione.

HyperfFlex Systems è la soluzione iperconvergente lanciata recentemente da Cisco, che garantisce setup plug-n-play di qualche minuto, con funzionalità flessibili, adattive e indipendenti di computing, network e storage. Permette servizi di data management come operazioni di clonazioni e snapshot rapidi e non invasivi, con deduplicazioni inline always-on e compressione inline.

“Nel portfolio di offerta Cisco – spiega Diego Zucca, Alliance Manager and DCV Partner Sales Specialist di Cisco -, la nuova soluzione HyperFlex all-in-one e basata su nodi va ad affiancare (e non a sostituire) le altre soluzioni convergenti, estendendone i vantaggi e orientandosi a specifiche applicazioni. Si basa sulla piattaforma hardware di computing Cisco Ucs e su una suite software di iperconvergenza, che si integra con il layer di virtualizzazione e va a gestire centralmente tutte le componenti computazionali, di storage e di networking. Tra le caratteristiche principali, le capacità di archiviazione e computazionali possono essere scalate separatamente. Tra i fattori differenziali, la piattaforma integra la parte di connettività a garanzia dell’alta disponibilità dei sistemi e permette la sottoscrizione annuale del software di iperconvergenza”. La piattaforma offre supporto al cloud ibrido e sicurezza basata su policy.

Arianna Leonardi

Iperconvergenza, ecco come garantire l’agilità del datacenter

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3