Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

I servizi Hpe Pointnext, come semplificare l’adozione della tecnologia

pittogramma Zerouno

I servizi Hpe Pointnext, come semplificare l’adozione della tecnologia

17 Mar 2017

di Redazione

Un vasto team di esperti e consulenti sarà messo a disposizioni degli utenti finali per sfruttare la potenza dell’hybrid It, big data analytics, IoT … in modo efficace e veloce. Hpe Pointnext Operational Services offre nuovi modi di erogazione dell’It gestendo e ottimizzando i workload, le risorse e la capacità, on-premise e in cloud, per contribuire a migliorare le performance delle attività aziendali

Pointnext è una nuova organizzazione di servizi di tecnologia nata per aiutare le aziende ad accelerare le rispettive trasformazioni digitali ottenendone i risultati desiderati. L’iniziativa, presentata da Hpe, coinvolge le competenze di oltre 25mila specialisti in 80 Paesi che parlano 30 lingue differenti, coprendo un’ampia varietà di discipline, dagli esperti in consulenza cloud a quelli che si occupano di servizi operativi. Si tratta di team che collaborano con aziende di tutto il mondo per rendere più veloce l’adozione di tecnologie emergenti come cloud computing e hybrid It, big data and analytics, Intelligent edge e IoT.

Nello specifico, il team Pointnext aiuta i clienti a sfruttare la potenza dell’hybrid IT, dei dati e dell’analytics in real-time e soluzioni mobili per migliorare la customer experience, creare e rendere disponibili nuovi prodotti e servizi digitali, e migliorare le core operation in ottica di maggiore efficienza.

Hpe Pointnext fornirà tre tipologie di servizi: Advisory and Transformation, Professional e Operational.

Il team Hpe Pointnext Operational Services offre nuovi modi di erogare l’It gestendo e ottimizzando i workload, le risorse e la capacità, on-premises e in cloud, per contribuire a mantenere le attività dei clienti al massimo delle loro performance. Questo include l’utilizzo di prodotti e servizi innovativi, come Hpe Flexible Capacity e Hpe Datacenter Care, che semplificano l’esperienza It e offrono ai clienti la possibilità di scegliere dove spostare i workload, cosa gestire internamente piuttosto che affidare in outsourcing, e come utilizzare l’It in maniera flessibile.

“La trasformazione digitale – ha dichiarato Antonio Neri, executive vice president e general manager, Enterprise Group di Hpe – sta imponendo un incredibile ritmo di cambiamenti al nostro settore, e le esigenze dei nostri clienti si stanno evolvendo in modo altrettanto veloce. I servizi rappresentano il cuore della nostra capacità di essere il partner strategico dei nostri clienti e di assisterli nel loro percorso di trasformazione. Mai come oggi il loro ruolo nel nostro business è stato così centrale”.

“Il percorso di ciascun cliente – ha commentato Ana Pinczuk, senior vice president e general manager, Pointnext, Hpe – è una storia a sé e richiede un advisor di fiducia e di grande capacità, un solido ecosistema di partner e una comprovata abilità di dimostrare approcci innovativi per affrontare e superare le sfide del mercato. I servizi Pointnext saranno il nostro impegno primario nei confronti dei clienti per progettare, integrare e ottimizzare rapidamente e agilmente le soluzioni digitali fondamentali per il successo di aziende di ogni dimensione”.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti. Lo scopo di questa evoluzione va ricercato nell’esigenza di creare molteplici opportunità di trasmissione di informazioni e di confronti con operatori e aziende sul mercato per monitorare nel concreto le criticità le aspettative, i progetti Ict realizzati per supportare lo sviluppo del business d’impresa. Target: CIO (Chief Information Officer), responsabili di sistemi informativi, manager IT e manager business di funzione, consulenti.

Articolo 1 di 5