Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

I 5 migliori strumenti gratuiti per gestire un ambiente virtuale

pittogramma Zerouno

Virtualizzazione

I 5 migliori strumenti gratuiti per gestire un ambiente virtuale

16 Lug 2014

di redazione TechTarget da Digital4

Per chi sceglie la virtualizzazione, oltre alle opzioni a pagamento esistono anche tutta una serie di strumenti gratuiti che aiutano a gestire gli ambienti VMware vSphere. Ecco una selezione che include 5 possibili alternative

La virtualizzazione sta diventando una commodity per molti Cio. Rispetto al passato oggi c’è molta più competenza e le opzioni di scelta degli strumenti di supporto è indubbiamente molto più ampia.

Oltre alle soluzioni a pagamento, è possibile scegliere tra una serie di strumenti gratuiti. Di seguito una lista delle migliori.


CloudPhysics
Basato su una filosofia opensource, CloudPhisics porta un contributo scientifico nel mondo VmWare Si tratta di un software as a service che offre funzionalità molto avanzate. Il prodotto nasce come un’avanzato strumento di reporting ed è basato sul concetto di carta (card) a cui ogni utente ha un accesso facile e immediato. Tramite un Card Store è possibile accedere a carte supplementari che vanno a integrare quelle offerte in modalità standard. Altri utenti, fornitori e CloudPhysics possono pubblicare ulteriori carte nello store che potranno essere aggiunte e condivise con il resto della community. Ogni utente ha infatti un proprio account che consente di accedere a una piattaforma di produzione di card, chiamata appunto Card Builder, che permette di creare carte con caratteristiche di reporting personalizzate. Ad esempio è possibile progettare una carta che consente di generare una lista per inventariare VmWare o l’host o, ancora, di sviluppare un report che indica la memoria disponibile. All’inizio di quest’anno, CloudPhysics ha aggiunto un sistema di misurazione delle prestazioni all’elenco di statistiche già al suo attivo. Questo permette agli utenti di creare dei report che contribuiscono a identificare in modo più puntuale eventuali problemi sugli ambienti virtuali legate, ad esempio, alle performance della CPU  o all’archiviazione dei dati.


RvTools
RVTools fornisce un modo molto semplice per scaricare l’inventario di un server vCenter. L’esportazione consente di visualizzare un foglio di calcolo simile a un Excel con le schede suddivise in 15 grandi sezioni principali. Ogni sezione riguarda VMS, gli host, i cluster, gli switch virtuali, i gruppi di porte e tutta un’altra serie di voci. Ogni linea di queste viste contiene una serie di dettagli che in pochi minuti consentono di generare una documentazione dettagliata, utile a identificare eventuali problemi. Se si esporta l’inventario per Excel, è possibile ordinare le viste e creare report. RVTools ha anche una scheda vHealth che segnala possibili problemi con gli strumenti di VMware, con gli snapshot e i file zombie.


VMware Flings
Qualche anno fa lo staff dei VMware Labs ebbe l’idea di avviare un progetto per la community di ingegneri chiamato Flings. Il concetto di base era la creazione di piccole applicazioni che andassero ad aggiungere funzionalità a quelle esistenti o che potessero fungere da test o, ancora, essere utili alla risoluzione dei problemi riscontrati dagli utenti. I Flings sono dunque applicazioni gratuite che vengono offerte da VMware senza alcun tipo di supporto. Oggi esistono tutta una serie di applicazioni molto valide e non è escluso che VMware decida di integrarle nella suite se le reputerà utile per tutti gli utenti. Tra i Flings VMware più interessanti si segnala Auto Deploy GUI, che aggiunge una interfaccia grafica auto-distribuita; Horizon View Event Notifier che costituisce un admin di posta che offre una visualizzazione su specifici eventi; VisualEsxtop che semplifica l’interfaccia di utilizzo dell’utility esxtop.


Esxtop
Strumento gratuito, Esxtop è un piccolo gioiello out of the box rispetto a VMware vSphere. Ignorato da molti, oggi la sua popolarità è in aumento perché molti responsabili di sistema cominciano a comprenderne i benefici. Per chi abbia cognizione di Linux, lo strumento è un po’ analogo all’uso che si faceva del top command: esxtop è infatti un po’ la versione in chiave VMware, con tutti i benefici della virtualizzazione del caso. Esxtop è uno strumento a riga di comando che può essere eseguito dalla console dell’host o tramite connessione sicura Socket Shell e in tempo reale consente di visualizzare in diversi modi i dati in esecuzione relativi a host e guest consentendo di conoscere le prestazioni di un host o delle macchine virtuali. Quando si esegue esxtop, è possibile scegliere diversi campi di visualizzazione per CPU, memoria, rete, archivi dati e percorsi di memorizzazione che aiutano a identificare eventuali problemi per procedere a interventi puntuali e immediati.


Veeam One Free Edition
Veeam One Free Edition è un’applicazione di monitoraggio e di reporting che fa parte di una suite più completa a pagamento. La versione gratuita di Veeam One non contiene tutte le caratteristiche del prodotto originale, avendo funzioni ridotte e altre disattivate. Ad esempio, le funzioni di reporting nella versione gratuita tipicamente mantengono solo 24 ore di dati il che la rende in ogni caso un’utile fuzione di supporto rispetto a non avere alcunché. La versione gratuita non ha alcuna restrizione per quanto concerne il numero di host server di gestione e Failover Cluster da monitorare e reportizzare con un’ottimizzazione delle risorse che contribuiscono a migliorare le performance e la disponibilità dell’ambiente virtuale.

redazione TechTarget da Digital4