Gruppo Veronesi utilizza server&storage IBM nei DataCenter per gestire la filiera digitale

pittogramma Zerouno

News

Gruppo Veronesi utilizza server&storage IBM nei DataCenter per gestire la filiera digitale

Lorenzo Didonè, CIO del Gruppo Veronesi, ha partecipato al Think Digital Summit Italy di IBM dove ha illustrato il progetto che vede l’adozione di un’architettura IT basata su IBM Power 9 per implementare SAP Hana

22 Giu 2020

di Redazione

Aia e Negroni, due brand che rendono famosa in tutto il mondo l’industria alimentare italiana, insieme a Veronesi, che rappresenta uno dei principali brand a livello mondiale nella produzione di mangimi, sono il cuore dell’attività del Gruppo Veronesi che si caratterizza per essere il primo gruppo italiano con una filiera completa e integrata che parte dalla produzione dei mangimi sino alla trasformazione e distribuzione delle carni e dei salumi.

Con oltre 8.000 dipendenti e 23 siti produttivi, il Gruppo Veronesi per mantenere la propria leadership deve poter avere un controllo della filiera completo, affinché il processo venga gestito sempre più rapidamente al fine di garantire la freschezza di prodotti come carne e uova, e costante, per assicurare la continuità dei servizi operativi 24 ore su 24. Alla base della governance del processo non può che esserci una gestione integrata dei dati lungo tutta la filiera.

Per raggiungere questo obiettivo, il Gruppo Veronesi ha scelto un’architettura IT basata sulle tecnologie IBM Server Power 9, Storage DS8000, Flash Systems, San Volume Controller, IBM Spectrum Protect insieme a servizi professionali IBM. Architettura che ha consentito un’adozione di SAP Hana con tutta la flessibilità necessaria per gestire facilmente i cambiamenti legati alle esigenze di business, aumentando al contempo la disponibilità delle applicazioni e la produttività degli amministratori di sistema.

Lorenzo Didonè, CIO del Gruppo Veronesi, durante il Think Digital Summit Italy di IBM che si è svolto lo scorso giovedì, nell’ambito della sessione Resiliency & Cloud, è entrato nel dettaglio del progetto a partire dai focus point strategici che hanno indirizzato la scelta del Gruppo, fortemente sostenuta da un top management orientato all’innovazione. Nel corso del suo intervento, il CIO ha illustrato come questo investimento tecnologico stia consentendo di offrire ai propri clienti un servizio migliore e più puntuale.

Senza entrare nel dettaglio del progetto, si sottolinea come l’adozione di un’architettura IT adeguata sia fondamentale affinché, nell’esecuzione di SAP Hana, l’ambiente server possa ridimensionarsi on demand con elevata affidabilità. Lo studio Forrester The Total Economic Impact Of IBM Power Systems For SAP HANA riporta che i clienti interpellati a questo proposito hanno affermato che il passaggio a IBM Power Systems ha ridotto i costi per l’acquisto, la gestione e la manutenzione dei sistemi per l’implementazione di SAP Hana.

In particolare, l’ITIC 2020 Global Server Hardware, Server OS Reliability Report, pubblicato lo scorso marzo e che mette a confronto 18 piattaforme di server mainstream, evidenzia come IBM Power 8 e Power 9 continuino a offrire i massimi livelli di affidabilità/uptime. Lo studio sottolinea inoltre che i server IBM Power 9 sono appositamente progettati per gestire alcuni dei carichi di lavoro più impegnativi del mondo, dalla creazione e formazione di modelli di intelligenza artificiale all’analisi dei dati, alle applicazioni SAP Hana e Oracle.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4