Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Easynet, Mediaset e Stanford University: alta scalabilità con i server Hp ProLiant

pittogramma Zerouno

Easynet, Mediaset e Stanford University: alta scalabilità con i server Hp ProLiant

30 Ago 2011

di ZeroUno

Hp propone una gamma di server scale-up Hp ProLiant progettati specificamente per affrontare i workload applicativi più impegnativi.
I server Hp ProLiant DL980 G7, Hp ProLiant DL580 G7, Hp ProLiant DL680c G7, e Hp ProLiant BL620c G7 hanno ottenuto risultati molto interessanti su sei importanti benchmark di settore: con una scalabilità che raggiunge otto socket, 80 core e 4 terabyte (TB) di memoria all’interno di un unico server, questi sistemi consentono di mantenere il passo con la crescita dei dati e rispondere a nuove opportunità.
I server scale-up Hp ProLiant offrono un ambiente di high-performance computing economicamente conveniente che fornisce: superiori capacità di elaborazione per workload ad alta intensità di calcolo come Oltp (online Transaction Processing), business intelligence e calcolo scientifico, massima scalabilità e potenza di calcolo in un’unità compatta.
Importanti clienti interprise hanno implementato la tecnologia dei server Hp ProLiant all’interno di una ambiente Hp Converged Infrastructure per una maggiore efficienza opeativa.

Easynet e Mediaset: apacità raddoppiate e riduzione di costi
Per ampliare i propri servizi di hosting gestito e aggiornare le operations del data center, il service provider Easynet Global Services ha adottato i server Hp ProLiant DL580 G7 che integrano il nuovo Intel Scalable Memory Buffer. Con una capacità di memoria raddoppiata e una potenza di calcolo superiore, Easynet è in grado di elaborare con efficienza workload caratterizzati da un uso intensivo di dati e velocizzare le prestazioni applicative.
Riduzione di costi per il Gruppo Mediaset con l’adozione di una Hp Converged Infrastructure composta da server Hp ProLiant BL680c G7 e BL620c G7 con Hp Virtual Connect grazie alla quale è stato possibile interconnettere server e machine virtuali alle reti Lan e San ricorrendo a un numero minore di apparecchiature.
“In un settore incredibilmente dinamico come quello del broadcasting, i server blade Hp ProLiant BL620c G7 e BL680c G7 con Hp Virtual Connect ci permettono di essere un passo avanti rispetto alla concorrenza”, ha dichiarato Cristiano Fumagalli, System Architect di Gruppo Mediaset. “Abbiamo scelto i server Hp ProLiant per i nostri data center dal momento che il loro design modulare può essere facilmente scalato o aggiornato per rispondere a nuove esigenze aiutandoci a contrastare la crescita disordinata dei data center”.

Stanford University: Hp supporta la ricerca scientifica universitaria
In ambito universitario la richiesta di performance è molto elevata, Hideo Mabuchi, docente di fisica applicata presso la Stanford University, aveva la necessità di un ambiente Hpc (High Performance Computing) per eseguire ricerche caratterizzate da un utilizzo intensivo di dati. La scelta di un server Hp ProLiant DL980 G7 con Hp Prema Architecture e tecnologia di caching intelligente delle Cpu ha reso disponibile una capacità scalabile superiore e un miglioramento del 900% nelle prestazioni delle applicazioni principali, permettendo a Mabuchi di espandere rapidamente i modelli delle ricerche e accelerare le scoperte scientifiche.

ZeroUno

Articolo 1 di 5