Data Migration e Data Conversion: quali sono le differenze? | ZeroUno

Data Migration e Data Conversion: quali sono le differenze?

pittogramma Zerouno

TechTarget Tech InDepth

Data Migration e Data Conversion: quali sono le differenze?

La migrazione dei dati e la conversione dei dati sono correlate, ma non sono la stessa cosa. Vediamo le differenze e l’importanza di entrambe queste attività in relazione a un ERP o altre applicazioni

01 Giu 2021

di Michele Ciceri - Fonte TechTarget

I dati sono la linfa vitale di qualsiasi organizzazione moderna, motivo per cui sono un fattore critico nell’’implementazione di un ERP e di molte altre applicazioni software. È quindi importante comprendere i ruoli che Data Migration e Data Conversion giocano in uno scenario di implementazione.

Indice degli argomenti

Data Migration

La migrazione dei dati è l’atto di estrarre i dati da un sistema e inserirli in un altro. Questa situazione si verifica quando si implementa un nuovo ERP o un sistema informativo delle risorse umane (HRIS) e si procede a disattivare quello esistente. Il passaggio dei dati è un evento unico. Una volta completato, i dati non saranno più nel sistema precedente. È importante notare che potrebbero essere necessarie anche più migrazioni di test per garantire che tutta la mappatura sia corretta. Tuttavia, la migrazione finale prima del go-live viene eseguita solo una volta.

quiz
Sistemi legacy, cloud e gestione infrastrutture: sai bilanciare le prestazioni? Rispondi al Quiz
Cloud
Cloud storage

Nella definizione di una strategia di migrazione dei dati, è utile prendere in considerazione anche l’eventualità di una migrazione dei dati da fonti diverse, come fogli di calcolo e applicazioni personalizzate utilizzate in azienda.

Data Conversion

La conversione dei dati è spesso una fase del processo di migrazione dei dati. Se il sistema precedente e il nuovo sistema avessero campi identici, si potrebbe semplicemente eseguire una migrazione dei dati; ma questo capita raramente. Di solito, è necessario modificare i dati dal sistema precedente (cioè convertirli) prima di poterli migrare nel nuovo sistema. Di seguito alcuni esempi di quando sarebbe necessaria una conversione dei dati.

  • Il sistema ERP precedente ha quattro campi per memorizzare un indirizzo, ma il nuovo sistema ne ha solo tre. Durante la migrazione dei dati dal sistema precedente, sarà necessario convertire i dati dell’indirizzo in modo che corrispondano al nuovo requisito di tre campi.
  • Due sistemi HRIS hanno tipi di dati diversi per lo stesso campo. Ad esempio, il sistema corrente potrebbe avere un campo ID che accetta caratteri alfanumerici, ma il nuovo sistema accetta solo caratteri numerici. In questo caso, servirà rimuovere i caratteri alfabetici prima che i dati possano essere caricati nel nuovo sistema.
  • Il numero di caratteri inseribili nel campo è diverso nei due sistemi. Questo è un problema solo quando il nuovo campo è più corto del campo nel sistema precedente. Se il nuovo sistema accetta meno caratteri, bisognerà accorciare i dati dove necessario per soddisfare i nuovi requisiti prima di migrare i dati.
C

Michele Ciceri - Fonte TechTarget

Argomenti trattati

Approfondimenti

Tech InDepth

Articolo 1 di 5