Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Consumabili Hp: perché una cartuccia originale vale il suo prezzo

pittogramma Zerouno

Consumabili Hp: perché una cartuccia originale vale il suo prezzo

21 Mar 2014

di Valentina Bucci

Consumabili originali o rigenerati? Durante l’evento Hp “Originale, Sempre” tenutosi di recente a Milano, Thom Brown, Competitive Response Inkjet Hardware and Supplies dell’azienda, spiega i vantaggi in termini economici e qualitativi dei consumabili originali Hp rispetto a quelli del mercato alternativo.

Perché scegliere materiali di consumo originali e non ricondizionati? Perché decidere di spendere di più e non cedere ai prezzi più aggressivi del mercato dei prodotti ricaricati e rigenerati? La prima risposta che è stata data durante l’evento Hp “Originale, Sempre” tenutosi di recente a Milano, ha voluto subito sfatare proprio questo assunto, quello del risparmio in termini economici:

Thom Brown
Competitive Response Inkjet Hardware and Supplies, Hp

“Una cartuccia Hp, rispetto a cartucce apparentemente più economiche, permette di stampare fino al doppio delle pagine”, ha detto Thom Brown, Competitive Response Inkjet Hardware and Supplies dell’azienda durante l’evento, spiegando tecnicamente il perché: “Nelle ink jet, l’inchiostro Hp ha una formula che contiene polimeri in una percentuale calcolata in modo tale che la goccia di inchiostro, in uscita dall’ugello, si depositi correttamente sulla pagina, risparmiando la maggior quantità di inchiostro possibile; parte della goccia in uscita, rientrata nell’ugello, rimane disponibile. La particolare densità che la formula originale offre ha un’altra caratteristica fondamentale: permette una corretta lubrificazione della testina di stampa, il che evita i danneggiamenti che inchiostri diversamente composti possono generare alla stessa”.
A questi aspetti legati al saving economico si sommano quelli qualitativi: una fotografia fatta con inchiostri Hp dura, ha spiegato Brown, dai 60 ai 100 anni senza sbiadire, diversamente da una fatta con prodotti ricaricati e rigenerati: “Per perfezionare ogni nuovo inchiostro Hp ci vogliono da 3 a 5 anni e fino a 1.000 formule di prototipi. I produttori di cartucce rigenerate non possono ottenere un tale livello di qualità, ecco perché utilizzando questi materiali di consumo ci si assume un rischio”.
L’evento si è chiuso ricordando il programma Hp Planet Partners, che consente di riciclare le cartucce di stampa originali HP InkJet e LaserJet con un processo di riciclaggio detto “a ciclo chiuso”, che ad oggi ha prodotto più di un miliardo di cartucce d’inchiostro originali Hp con fino al 70% di plastica riciclata utilizzando i materiali delle cartucce usate e delle bottiglie di plastica. Un altro buon motivo che Hp vuole offrire ai propri clienti per invitarli a scegliere i propri prodotti.

Valentina Bucci
Giornalista

Giornalista pubblicista, per ZeroUno scrive dei cambiamenti che la digitalizzazione sta imponendo alle imprese sul piano tecnologico, organizzativo, culturale e segue in particolare i temi: Sicurezza Informatica, Smart Working, Collaboration, Big data, Iot. Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza (Università di Ferrara), laurea specialistica in Culture Moderne Comparate (Università di Bergamo).

Argomenti trattati

Approfondimenti

H
Hardware
I
Intelligenza Artificiale

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3