Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Analisi della customer experience: le opportunità del Wi-Fi

pittogramma Zerouno

Analisi della customer experience: le opportunità del Wi-Fi

01 Dic 2016

di Informazione Pubbliredazionale Next Editore

Il Wi-Fi viene normalmente considerato semplicemente una modalità di connessione, mentre può essere una potenziale miniera di informazioni. Come? Lo abbiamo chiesto ad Andrea Calcagno, Ceo di Cloud4Wi

Il Wi–Fi può svolgere un ruolo chiave nella profilazione dei clienti e nell’analisi dei loro comportamenti all’interno di un negozio, ristorante o centro commerciale”. Lo sostiene Andrea Calcagno, CEO di Cloud4Wi, realtà nata nel 2013 a Pisa dalla locale Università e che oggi ha uffici a San Francisco (HQ), Pisa, Milano, Roma, Londra, Parigi e Manila.
In particolare – secondo Calcagno – il Wi-Fi consente di analizzare in forma anonima e aggregata i cosiddetti “dati di presence” grazie ai quali si può valutare se i clienti, fidelizzati o potenziali, siano presenti nella location e i loro tempi di permanenza all’interno della stessa. Questi dati sono rilevabili anche se i clienti non si connettono alla rete Wi-Fi presente nella location ma hanno semplicemente attivato il modulo Wi-Fi sul proprio terminale. Si tratta di dati molto importanti che, ad esempio, possono essere utili per valutare le prestazioni di una campagna marketing, per allocare in modo efficiente lo staff di supporto alla clientela o per posizionare in modo strategico la merce all’interno dell’area di vendita.

Andrea Calcagno, Ceo di Cloud4Wi

“Quando, invece, i clienti si collegano alla rete Wi-Fi della location, è possibile raccogliere – in conformità alla normativa vigente sulla tutela dei dati personali – anche informazioni quali indirizzo email, numero di telefono, profilo social, in funzione del metodo di login utilizzato per l’accesso. Se i clienti hanno fornito espressamente il proprio consenso, i brand possono utilizzare tali dati per inviare messaggi promozionali, personalizzando la propria offerta di prodotti e/o servizi e creando, di fatto, un canale comunicativo privilegiato con la clientela finale”, precisa Andrea Calcagno.

Volare per valorizzare il proprio brand

Per cogliere le opportunità offerte dal Wi-Fi, tuttavia, bisogna disporre della soluzione adeguata. Volare, la piattaforma realizzata da Cloud4Wi, consente alle catene di negozi, ai ristoranti e ai centri commerciali di valorizzare il proprio brand utilizzando il guest Wi-Fi per offrire alla propria clientela una migliore mobile experience e analizzare il loro comportamento all’interno delle aree di vendita.
Volare mette a disposizione dei brand una serie di analytics:

  1. Presence analytics, che consentono di valutare il numero di clienti all’interno della location;
  2. Location analytics, che consentono di tracciare i movimenti dei clienti nella location e verificare quali sono le aree maggiormente visitate,
  3. User analytics, che consentono di effettuare un’analisi demografica dei clienti;
  4. Wi-Fi service analytics, che consentono di valutare le performance dei servizi di guest Wi-Fi.

“Grazie ad un ricco sistema di API, la piattaforma Volare può essere facilmente integrata con i sistemi di business intelligence già adottati dai brand. In questo modo – ricorda Calcagno – i dati raccolti dalla piattaforma Volare possono essere trasferiti automaticamente negli altri sistemi, consentendo ai brand di meglio definire le strategie aziendali in funzione dei dati raccolti”.

15.000 location già utilizzano Volare

Volare connette oltre 55 milioni di utenti in più di 15000 location in oltre 80 nazioni. Il portafoglio clienti di Cloud4Wi è composto da brand quali Armani, Autostrade per l’Italia SpA, Burger King, Bulgari, Clarks Shoes, Ermenegildo Zegna, McDonald’s, Olive Garden, Prada, Sisal, Digit Roma, Tod’s e Decathlon.
“Una success story di rilevante importanza – spiega Calcagno – è senz’ombra di dubbio il progetto Wi-Life Station, già vincitore dell’edizione 2016 dei Digital360 Awards, realizzato in collaborazione con Gruppo Ferrovie dello Stato e AlmaViva SpA, nostro partner tecnologico. Wi-Life Station, attualmente attiva in 11 stazioni italiane, contribuisce a quel processo di trasformazione digitale che il Gruppo Ferrovie dello Stato sta realizzando nel nostro Paese attraverso la creazione di un nuovo paradigma di smart station”.

Informazione Pubbliredazionale Next Editore

Analisi della customer experience: le opportunità del Wi-Fi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 5