Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Si diffonde l’Agile Management… anche nello sport!

pittogramma Zerouno

Si diffonde l’Agile Management… anche nello sport!

27 Mag 2016

di Nicoletta Boldrini

Dalle performance atletiche a quelle di business: Marco Comastri, general manager and president di CA Technologies per la regione Emea, racconta come l’Agile Management stia diventando sempre più strategico per le aziende europee in generale ed anche in contesti particolari come l’ambito sportivo.

MILANO – Tutte le grandi aziende stanno prendendo in esame percorsi e progetti complessi di Digital Transformation, il che può declinarsi in revisioni dei processi ‘in chiave digitale’, sviluppo di applicazioni più agili, fino alla revisione infrastrutturale per una maggiore efficienza dei data center. “Tutte situazioni che stanno influenzando il mercato all’interno del quale noi vendor operiamo”, fa notare Marco Comastri, general manager and president di CA Technologies per la regione Emea, recentemente intervistato da ZeroUno con l’obiettivo di tracciare le linee di traformazione delle aziende che operano nel panorama europeo. “Guardando al mercato dell’Infrastructure Management per le grandi aziende, il quadro che la geografia europea propone è quello di un grande fermento e di una crescita degli investimenti, con tassi che vanno dal 5 al 10% e che rimarrà tale anche nei prossimi due/tre anni. Le aree sulle quali credo che la crescita sia più sostenuta sono quelle riferite allo sviluppo di nuove applicazioni dove l’Agile Management nel suo significato più ampio gioca un ruolo di prim’ordine”.

Marco Comastri, general manager and president di CA Technologies per la regione Emea

Il modo di creare applicazioni in contesti di Digital/App Economy, in effetti, è decisamente cambiato e le metodologie tradizionali (si pensi al modello waterfall, ‘a cascata’) iniziano a perdere di efficacia: “Non c’è più tempo per processi di realizzazione del software che richiedono settimane se non mesi per l’analisi dei requisiti, l’ideazione del progetto, lo sviluppo, il testing ed il collaudo per la messa in produzione, ecc. – fa notare Comastri -. L’Agile Management sta prendendo piede non solo in contesti ormai noti come quello finanziario e delle Telco ma anche in altri ambiti come Retail e Distribuzione, oggi fortemente influenzati dall’Application Economy”.

Non solo, una delle industrie che oggi sta decisamente traendo il massimo beneficio dalle tecnologie, in senso lato, e dall’Agile Management inteso sia come metodologia sia attraverso specifiche soluzioni It, è quella dello Sport. Ne è la prova la partnership che da tempo lega CA Technologies al team ciclistico Trek-Segafredo [Comastri, in questo caso, preferisce proprio parlare di partnership e non di rapporto cliente-fornitore dato che CA è anche sponsor diretto del team sportivo – ndr]: “L’azienda Trek (produttrice di biciclette e di prodotti professionali per il ciclismo) non ha una sola squadra ciclistica ma ne conta diverse che partecipano a differenti campionati in giro per il mondo – spiega in dettaglio Comastri -; la loro esigenza primaria è riuscire ad avere feedback costanti ed in tempo reale da tutti gli atleti e i team delle squadre coinvolti nei vari campionati, per poter avere una base dati utile a migliorare le performance in senso lato (quelle degli atleti, in primis, ma anche quelle dell’azienda e dello sviluppo produttivo delle biciclette)”.

Le biciclette Trek

In quest’ottica, l’Agile Management si declina lungo differenti direttrici. L’applicazione CA Flowdock in uso, per esempio, è finalizzata alla creazione di un ambiente collaborativo che consenta una più efficace comunicazione ed interazione tra i ciclisti ed il resto del team (con l’obiettivo di migliorare le performance atletiche), ma anche tra i ciclisti ed i responsabili aziendali, tra i quali anche quelli dello sviluppo dei prodotti (per ridurre i cicli di development ed offrire prodotti sempre più in linea con le esigenze degli atleti e dei clienti).

Nicoletta Boldrini

Direttore responsabile di ZeroUno

Direttore di ZeroUno e del portale AI4Business dedicato all'intelligenza artificiale, seguo da molti anni le novità e gli impatti dell'Information Technology e, più recentemente, delle tecnologie esponenziali sulle aziende e sul loro modo di "fare business", nonché sulle persone e la società. Il mio motto: sempre in marcia a caccia di innovazione #Hunting4Innovation

Si diffonde l’Agile Management… anche nello sport!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3