Compuware Outage Analyzer: Apm di nuova generazione per ambienti Saas | ZeroUno

Compuware Outage Analyzer: Apm di nuova generazione per ambienti Saas

pittogramma Zerouno

Compuware Outage Analyzer: Apm di nuova generazione per ambienti Saas

La soluzione, in versione beta, traccia le interruzioni di servizio nel Cloud e nei web service di terze parti, notificando istantaneamente le cause e le conseguenze. Compuware fornirà il nuovo servizio gratuitamente.

13 Nov 2012

di Redazione

Compuware ha annunciato una nuova soluzione, Outage Analyzer, per l’analisi delle prestazioni con nuove funzionalità e capacità di analisi dell'Application Performance Management (Apm) per gli ambienti software-as-a-service (SaaS). Outage Analyzer fornisce in tempo reale schermate di visualizzazione dei malfunzionamenti dei web service di terze parti che sono oggi fondamentali per il funzionamento delle applicazioni web, mobile e basate su cloud.

Utilizzando tecnologie all’avanguardia per i big data e un engine proprietario per individuare le anomalie, Outage Analyzer è in grado di correlare oltre otto miliardi di data point al giorno. I dati vengono raccolti a partire dalla rete globale Compuware Gomez Performance Monitoring che comprende 150.000 postazioni di test e fornisce informazioni sull’interruzioni di servizio specifiche come il motivo, la durata e le cause possibili dell’evento,  il tutto visualizzato in tempo reale.

Tim Grieser, Program VP, Enterpsirse System Management Software di Idc

“Il nuovo servizio Outage Analyzer di Compuware è un esempio importante di quale sia il trend emergente nell’applicare tecnologie di analisi dei big data che aiutino a comprendere e risolvere le problematiche legate alle prestazioni e alla disponibilità delle applicazioni in modo quasi immediato”, ha affermato Tim Grieser, Program VP, Enterprise System Management Software di Idc. “La capacità di Outage Analyzer di analizzare e visualizzare un’enorme quantità di dati, con una individuazione delle anomalie in automatico, aiuterà gli utenti della divisione It e dell’azienda in generale a comprendere meglio quali siano le fonti e le cause dei malfunzionamenti dei web service esterni”.

I web service forniti da terze parti o basati su cloud permettono alle organizzazioni di fornire rapidamente un’esperienza d’uso ricca ma, allo stesso tempo, espongono i siti web e i dispositivi mobile al rischio di perdita nelle prestazioni – o addirittura a un’interruzione totale – nel caso una di queste componenti esterne venga meno. Outage Analyzer è stato lanciato proprio per dare risposte a questo tipo di criticità.

Steve Tack, VP Product Management, Compuware

“Da quando è operativo Outage Analyzer, siamo già stati in grado di analizzare in media circa 200 interruzioni di servizio al giorno da parte di web service esterni”, afferma Steve Tack, VP Product Management, Compuware. “Outage Analyzer è per noi solo l’inizio. La nostra piattaforma per i big data, gli algoritmi proprietari per la correlazione e l’identificazione delle anomalie e la vista intuitiva delle problematiche che possono avvenire nel cloud o nei web service forniti da terze parti rappresentano la base fondamentale a partire dalla quale dare vita a una nuova generazione di Apm, incentrato sulla capacità di dare risposte”.

Le funzionalità della soluzione possono così essere riassunte:

  • Visualizzazione delle criticità: le problematiche relative ai servizi di terze parti sono visualizzate in modo automatico su una mappa globale fornita da Outage Analyzer. Tale visibilità fornisce informazioni sullo stato attuale, l’impatto (in base alla gravità del problema e all’area geografica dove è avvenuto) e la durata, insieme alle cause certe e probabili del malfunzionamento. Outage Analyzer fornisce, inoltre, una visione temporale che mostra quale sia la diffusione attuale e la crescita prevista dell’interruzione di servizio. Questa analisi temporale è dotata anche di una funzionalità di playback che è in grado di mostrare il replay del malfunzionamento e analizzare il suo impatto nel tempo.
  • Filtraggio e ricerca dei problemi: con Outage Analyzer gli utenti possono visualizzare in automatico le interruzioni di sistema più recenti, filtrandole in base alla gravità della loro ripercussione o identificando l’interruzione di servizio rispetto a specifici protocolli Ip, gamme di Ip o domain service. Questo consente agli utenti di identificare quelle interruzioni nei servizi che potrebbero potenzialmente ripercuotersi negativamente sulle loro applicazioni.
  • Notifica avvisi: gli utenti si possono registrare per ricevere automaticamente degli alert (via Rss o Twitter) e indicare esattamente quali problemi vogliono vengano notificati rispetto ai più noti web service di terze parti, con la certezza di poter identificare le interruzioni di servizio in base all’area geografica coinvolta. Gli alert contengono i link alla mappa globale di visualizzazione e dettagli sul singolo accadimento.
  • Piattaforma big data per l’analisi delle prestazioni: utilizzando le tecnologie per l’analisi dei big data in ambito cloud, tra le quali Flume e Hadoop, Outage Analyzer è in grado di raccogliere dati dal vivo provenienti dai test condotti sull’interna base clienti Gomez e sui benchmark Gomez, processando oltre otto miliardi di data point al giorno. La trasformazione dei dati grezzi, la visualizzazione e l’invio di avvisi sulle interruzioni di servizio avviene in pochi minuti, fornendo dati relativi al malfunzionamento in modo tempestivo che consentono di agire di conseguenza.
  • Algoritmo per individuare le anomalie: fondamento della piattaforma per i big data di Outage Analyzer è l’engine proprietario per l’identificazione delle anomalie che individua in automatico le problematiche legate alla disponibilità rispetto ai web service che si ripercuotono sulle prestazioni della rete in tutto il mondo. Outage Analyzer correla in seguito tra loro i dati sulle interruzioni di servizio, identifica la fonte del problema, calcola l’impatto ed elenca le cause più probabili,  il tutto in tempo reale.
R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4