Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Application e network performance management

pittogramma Zerouno

Application e network performance management

03 Giu 2013

di Nicoletta Boldrini

Comprendere, ottimizzare e consolidare l’It a tutti i livelli architetturali, dalle infrastrutture data center alle applicazioni. È questa la strategia Riverbed che mira alla combinazione tra Apm e Npm per accelerare l’innovazione.

A margine della tavola rotonda abbiamo chiesto ad Albert Zammar, Regional Sales manager Italy di Riverbed, di illustrare a ZeroUno più specificatamente la strategia dell’azienda e, in particolare, come si articola l’azione nel nostro paese. “Vendere all’azienda italiana seguendo la cultura locale non ha più senso – dice subito il top manager – in un contesto globalizzato dove ormai tutte le aziende (almeno quelle a cui si rivolge Riverbed) sono realtà distribuite, un’offerta localizzata non trova più giustificazione. Il che non significa trascurare le specificità aziendali – puntualizza subito Zammar -; questo è però un approccio indipendente dalla localizzazione geografica ma, piuttosto, legato alla tipologia di azienda e alle sue necessità e peculiarità. È naturale che si delineino progetti ad hoc, tagliati su misura dell’azienda, ma questo non significa che la tecnologia utilizzata debba poi essere differente per la realtà tedesca rispetto a quella inglese o italiana”.

Albert Zammar, Regional Sales manager Italy di Riverbed

Un approccio che trova giustificazione nel fatto che Riverbed si rivolge con la propria offerta, data da soluzioni tecnologiche per l’ottimizzazione e le performance di reti, di infrastrutture data center e ambienti virtuali e cloud nonché di monitoring delle applicazioni, a un target di aziende medio-grandi, multinazionali e con architetture distribuite. “Le multinazionali italiane – spiega Zammar -, per quanto riguarda struttura ed esigenze, non sono diverse dalle altre grandi organizzazioni internazionali. Se guardiamo invece all’ambito della Pubblica Amministrazione allora sì diventa necessario un approccio culturale che consenta di calare le tecnologie non soltanto rispetto alle singole necessità ma anche nello specifico contesto nazionale. Guardando alle aziende multinazionali private Zammar ritiene che siano cinque i pilastri attorno cui ruotano le loro esigenze e capacità innovative: “Riduzione dei data center, semplificazione delle infrastrutture (soprattutto quelle delle filiali e sedi sussidiarie), centralizzazione del dato (data consolidation), apertura verso modelli di cloud pubblico, monitoraggio costante e ottimizzazione delle architetture tecnologiche (da cui derivano poi tutte le strategie mobile, di It consumerization, nonché i ragionamenti sulla customer satisfaction, la qualità del servizio erogato e la sua efficacia rispetto alle richieste di business, ecc.)”.
Quest’ultimo punto assume un ruolo particolarmente importante nella strategia di Riverbed che sul fronte della visibilità e del controllo delle performance delle architettura guarda con particolare attenzione allo strato applicativo. “Abbiamo recentemente concluso l’acquisizione di Opnet Technologies, che ci ha consentito di rafforzare ulteriormente la nostra posizione nel mercato della convergenza tra application e network performance management”, spiega Zammar. “Con la combinazione di Application Performance Management (ambito di Opnet) e Network Performance Management (ambito storico dell’offerta Riverbed), riusciamo oggi a proporre soluzioni di performance management in grado di monitorare e controllare le architetture tecnologiche sia sul piano delle applicazioni sia su quello delle infrastrutture”.
Riverbed Stingray è l’It Performance Platform finalizzata a comprendere, ottimizzare e consolidare l’It delle organizzazioni aziendali, dalle infrastrutture fisiche e virtualizzate nei data center (server, storage, network), fino ai livelli applicativi, siano essi basati su ambienti tradizionali, in cloud, sul web o su piattaforme mobile. L’azienda si rivolge anche al mondo dei service provider con soluzioni virtualizzate, Riverbed Cascade, che consentono ai fornitori di proporre alla propria clientela servizi di performance management in qualsiasi luogo siano necessari, anche da remoto. Tutte le soluzioni di It & application performance si integrano con la famiglia di prodotti Riverbed Steelhead che garantiscono la Wan optimization.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 5