Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Le aziende italiane? ‘Social’ in teoria, ma non ancora nella pratica

pittogramma Zerouno

Le aziende italiane? ‘Social’ in teoria, ma non ancora nella pratica

27 Set 2011

di ZeroUno

SDA Bocconi ha realizzato uno studio, commissionato da Alcatel-Lucent Enterprise, dal titolo “Customer Experience & Social Network” che ha coinvolto 1080 aziende in Italia con l’obiettivo di scoprire il loro approccio ai social media, le problematiche più sentite e identificare gli strumenti più adatti a rispondere ai bisogni del business.

In una ricerca realizzata da SDA Bocconi su 1080 aziende italiane, “Customer Experience & Social Network”, per conto di Alcatel-Lucent, si è analizzato il rapporto e le aspettative delle aziende italiane nei confronti dei social network. I risultati mostrano che tre aziende su quattro del campione sono convinte dell’importanza dei social media per il business e il rapporto con i clienti, già più di una su tre sta sperimentando strumenti social.
Molti i dubbi su quale sia l'approccio giusto. Dallo studio emerge che i social media sono considerati importanti per il business dal 72% del campione. Tuttavia, meno della metà li utilizza: il 22% ha da tempo implementato un’azione su vari canali social, il 10% ha iniziato ad avvicinarsi nell’ultimo anno e l’8% ha solo una fanpage su Facebook (una pagina dalle funzionalità limitate e poco incisiva in termini di contenuti e interazione). Tempo e risorse richiesti dalla gestione di questi canali sono i principali ostacoli per una buona parte del campione (il 38%).
Il 25% delle aziende su 4 non risponde sempre alle lamentale o ai disagi pubblicati dai clienti sui social media, e questo dato non stupisce se si considera che il 34% monitora manualmente i social media, e che il 43% dichiara di non monitorarli per nulla. Inoltre solo nel 10% dei casi il customer care viene coinvolto in caso di lamentale, rendendo più difficile la gestione dei clienti.
“Oggi le aziende hanno un fantastico strumento per ascoltare i clienti: i social network. Ma non tutti sanno come usarli” – commenta Moreno Ciboldi, Vice President del gruppo Enterprise di Alcatel-Lucent per l’area South Europe. “Il Customer care innovativo deve saper ascoltare i clienti e poter utilizzare tutti gli strumenti oggi a disposizione per conversare con loro (telefono, email, chat, social network…) ma anche saper dare delle priorità sia a chi rispondere, sia con quale strumento. Non a caso l’attivazione automatica del customer care per far fronte a lamentele sui social media è tra le principali priorità indicate dal campione”.

ZeroUno

Articolo 1 di 5