Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Econocom: la consulenza oltre all’offerta tecnologica

pittogramma Zerouno

Attualità

Econocom: la consulenza oltre all’offerta tecnologica

07 Lug 2017

di Cristina Mazzani

Enrico Tantussi, country manager dell’azienda, rilancia la strategia del Gruppo per accompagnare le aziende nella loro trasformazione digitale, annuncia nuove acquisizioni (dopo quelle di Bizmatica e Asystel) e comunica l’imminente apertura della nuova sede milanese in cui troverà spazio l’Innovation hub per condividere e diffondere la tecnologia

MILANO – Negli ultimi 4 anni il Gruppo Econocom ha incrementato il fatturato italiano del 50% (realizzando 367 milioni di euro nel 2016, che contribuiscono ai ricavi totali del Gruppo, presente in 19 nazioni, che sono pari a 2,5 miliardi di euro) e sta continuando a crescere.

“Pensiamo di chiudere il 2017 arrivando a 400 milioni”, ha dichiarato Enrico Tantussi, country manager Econocom che ha aggiunto: “L’Italia è seconda in Europa per il suo tasso di incremento (20% rispetto all’anno precedente) soltanto alla Francia (Paese di origine del gruppo) e raccoglie risultati sia sul fronte della crescita organica, sia in seguito alle acquisizioni. In particolare, nell’ultimo biennio Econocom ha acquisito Bizmatica (player attivo negli ambiti API management, omnicanalità, IoT, Big data eccetera) e Asystel (system integrator e fornitore di servizi professionali). Il nostro programma di acquisizioni, denominato ‘Napoleon‘, non si è concluso: tra quest’anno e il prossimo finalizzeremo almeno altre 3 o 4 operazioni”.

Tantussi ha annunciato che la prima azienda a essere acquisita sarà una società di consulenza, per meglio accompagnare le aziende nel processo di innovazione perché, come affermano in Econocom, la tecnologia è disponibile ma va declinata secondo le necessità di aziende che sempre più ormai fanno partire progetti di digitalizzazione anche da dipartimenti diversi da quello IT (e il riferimento a quello del marketing è più volte ripetuto) e quindi servono linguaggi adeguati.

Sono state annunciate anche acquisizioni tecnologiche per arricchire le competenze del Gruppo nei nuovi trend, soprattutto nel campo della business intelligence, inoltre, non è stato negato l’interesse rispetto all’idea di integrare cloud provider ed è stata espressamente dichiarata l’intenzione di consolidare la propria offerta di servizi IT mediante l’acquisto di un’altra società in questo campo da affiancare ad Asystel.

L’offerta tecnologica

“Tecnologia non è fantascienza, il futuro è adesso, basta renderlo accessibile” lo ripete diverse volte Enrico Tantussi facendo riferimento al ruolo del Gruppo Econocom che porta sul mercato una serie di soluzioni (sia pacchettizzate sia personalizzabili) che promuovono e accompagnano l’innovazione in settori trasversali (servizi, retail, manufacturing, utility, education, sanità, banking eccetera).

Tra le proposte dell’azienda: le soluzioni per la gestione del posto di lavoro, un approccio integrato per la data center strategy (dalla fase di design con analisi infrastrutturali e valutazione della cloud readiness alla fase di build, con azioni quali sostituzione di sistemi legacy, implementazione di software defined storage e sistemi iperconvergenti, soluzioni di data virtualization eccetera) servizi per l’ottimizzazione e l’automazione dei processi di business e ancora soluzioni in ambito CRM, big data analytics e IoT. Tra i plus dell’azienda, la soluzione onStage (acquisita con l’ingresso nel gruppo di Bizmatica) con cui Econocom rende disponibile una piattaforma per la pianificazione, la progettazione, la realizzazione e la pubblicazione delle Api, consentendo di implementare un ‘Api program” completo su cui fondare la propria digital strategy.

“La nostra proposta sul mercato – ha sottolineato Tantussi – è as a service, perché la tecnologia deve poter essere fruita, non necessariamente comprata, e, d’altra parte, il nostro sforzo è quello di integrare le tecnologie dei nostri partner, ma rappresentare un unico punto di contatto per le aziende che quindi non devono poi rivolgersi a diversi interlocutori in caso di bisogno”.

A breve verrà inaugurata a Milano la nuova sede di Econocom, in via Varesina 158 “si tratta di uno spazio smart”, ha raccontato Barbara Loru, marketing & communication manager di Econocom, “che incarnerà la strategia dell’azienda, al cui interno si troverà l’Innovation hub, uno spazio fisico dedicato alla condivisione di esperienze, al confronto con esperti attraverso incontri tematici e workshop, un punto di incontro, scambio e condivisione di esperienze e competenze che è già operativo”; nell’Innovation hub si sono già svolti e si stanno svolgendo in questi giorni incontri su questi temi Cybercrime prevention il 29 giugno, Millennial’s view  il 4 luglio e Open Api il 13 luglio.

Cristina Mazzani
Giornalista

Giornalista dal 1996, si è sempre occupata di tematiche tecnologiche, scrivendo per riviste dedicate al mondo B2B e al canale di distribuzione Ict. In alcuni periodi ha affiancato a questa attività collaborazioni per quotidiani e testate attivi in altri settori. Dal 2013 lavora con ZeroUno.

Argomenti trattati

Personaggi

Barbara Loru
Enrico Tantussi

Approfondimenti

A
Api
I
Innovazione It
I
Iot

Articolo 1 di 4