Stormshield: sicurezza adattiva per utenti mobili

pittogramma Zerouno

Stormshield: sicurezza adattiva per utenti mobili

Spesso sono le persone e i loro comportamenti scorretti la più pericolosa delle vulnerabilità: la formazione è un elemento essenziale per arginare il problema ma la tecnologia è altrettanto importante e, tra le altre cose, deve essere in grado di rispondere alla crescente esigenza di mobilità garantendo l’adattamento automatico delle policy di sicurezza ai diversi contesti d’uso che quotidianamente gli utenti attraversano.

21 Lug 2016

di Valentina Bucci

L’intervista con Alberto Brera, Country Manager Italy di Stormshield, realtà del gruppo Airbus specializzata in It Security, è stata l’occasione per riflettere su come gli utenti, e i loro comportamenti distratti o scorretti, rappresentino spesso una forte vulnerabilità per le aziende e per cercare di capire quale sia la strategia più efficace in risposta al problema.

Alberto Brera, Country Manager Italy di Stormshield

La formazione ha certamente un ruolo rilevante : “Alcuni dei malware più dannosi si insediano nei sistemi in modo tutt’altro che sofisticato, grazie alla leggerezza e alla mancanza di esperienza di dipendenti che aprono allegati di dubbia provenienza ed eseguono programmi trovati sul web”, spiega Brera, che segnala come oltretutto, anche gli utenti più attenti, rischino di essere ingannati facilmente da attacchi ormai personalizzati sulle abitudini della vittima (è difficile evitare un’e-mail di phishing coerente con azioni effettivamente eseguite dall’utente o in linea coi suoi interessi). E tuttavia il manager mette in guardia le imprese: “La formazione e l’informazione sono fondamentali, ma non bastano; altrettanto importante – soprattutto in realtà che non sono di estrazione tecnologica o informatica, dove c’è meno preparazione sul tema e dunque è più difficile istruire le persone – è trovare tecnologie volte ad assicurarsi che agli utenti, compresi quelli con intenzioni deliberatamente fraudolente, vengano posti dei limiti nell’utilizzo dei dati sensibili”. Secondo Brera servono meccanismi tecnici capaci di imporre policy di sicurezza quali la cifratura dei dati, l'accesso selettivo alle periferiche rimovibili e l'adattamento automatico delle policy stesse al contesto d’uso del sistema; il manager si sofferma in particolare su quest’ultimo aspetto sottolineando come la diffusione della mobilità abbia reso di primaria importanza dotarsi di soluzioni “adattive”: “L'ambito in cui oggi un utente lavora, cambia continuamente; ci si connette quotidianamente a reti diverse – dell’ufficio, di casa, del treno o dell’albergo – e non si può avere la certezza che questi ambienti siano controllati: le policy di sicurezza devono essere auto-adattanti, ovvero in grado di reagire diversamente in base ai contesti e limitare maggiormente l’utente man mano che si sposta verso ambienti meno sicuri”; viceversa, la possibilità di concedere più libertà laddove sussistano le condizioni per farlo è fondamentale per garantire un'alta user experience, elemento da cui spesso dipende il tasso di adozione delle soluzioni stesse.

WHITEPAPER
CX: perchè l'intelligenza emotiva è importante per fidelizzare i clienti?
Marketing
Inbound

“Le piattaforme di Endpoint Security e di Data Security di Stormshield – conclude Brera – si propongono di raggiungere questo obiettivo creando ambienti di lavoro, anche geograficamente distribuiti, dove lo scambio di dati, messaggi e accessi alle risorse aziendali è strettamente subordinato a una policy di sicurezza centralizzata, in grado appunto di gestire questo tipo di adattabilità ai contesti”.

Valentina Bucci

Giornalista

Giornalista pubblicista, per ZeroUno scrive dei cambiamenti che la digitalizzazione sta imponendo alle imprese sul piano tecnologico, organizzativo, culturale e segue in particolare i temi: Sicurezza Informatica, Smart Working, Collaboration, Big data, Iot. Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza (Università di Ferrara), laurea specialistica in Culture Moderne Comparate (Università di Bergamo).

Stormshield: sicurezza adattiva per utenti mobili

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4