Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ibm Workload Deployer: un nuovo software per distribuire i carichi di lavoro nel cloud

pittogramma Zerouno

Ibm Workload Deployer: un nuovo software per distribuire i carichi di lavoro nel cloud

02 Mag 2011

di Nicoletta Boldrini

Ibm ha presentato un nuovo software che aiuta le aziende a costruire le proprie piattaforme di cloud computing garantendo benefici di business in diversi settori di industria, quali banche, assicurazioni, retail e telecomunicazioni.
Si chiama Ibm Workload Deployer ed è una soluzione nata per distribuire i carichi di lavoro nel cloud grazie a template impostati sulla base delle best practices Ibm, automatizzando e standardizzando i processi per ridurre costi, ritardi ed errori.
Le imprese potranno usare un’interfaccia semplice, basata sul web, per installare facilmente le applicazioni, configurare i database ed impostare la sicurezza per i servizi cloud sia utilizzati direttamente che forniti ai rispettivi clienti. Dotato di funzioni integrate di monitoraggio, gestione del ciclo di vita ed elasticità di risorse, tale software può semplificare ed accelerare le realizzazioni in ambito cloud.
L’interfaccia utente grafica, di fatto, consentirà alle aziende di rispondere rapidamente alle nuove richieste di servizi provenienti dai propri clienti, consentendo il veloce rilascio di nuove applicazioni in grado di aumentare i ricavi e di migliorare la customer satisfaction.
Ad esempio, OneTree Solutions è una delle prime aziende ad avvalersi di Workload Deployer e sta lavorando con Ibm ad una nuova infrastruttura che consentirà di dare indicazioni di prezzo profittevoli agli agenti di vendita, personalizzate per ogni offerta e contratto, consentendo loro di prendere decisioni più informate in tema di pricing e di massimizzare i ricavi. La soluzione è disponibile sia come appliance software virtuale o come appliance hardware tradizionale ed anche come Software as a Service (SaaS) attraverso il cloud.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5