Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Computerlinks: nuovi servizi Alvea per il cloud

pittogramma Zerouno

Computerlinks: nuovi servizi Alvea per il cloud

15 Mar 2011

di Nicoletta Boldrini

Il distributore a valore aggiunto mette a disposizione dei partner una piattaforma di servizi gestiti e di tipo cloud

Computerlinks, distributore specializzato in e-Security ed e-Business, aggiunge al proprio portfolio l’offerta Alvea. Si tratta di una gamma di servizi gestiti e di tipo cloud, basati sul modello “pay-as-you-use”.
Creati per permettere ai partner di fornire servizi gestiti per i propri clienti, i servizi Alvea comprendono tecnologie dedicate alle infrastrutture cloud, declinate nei seguenti servizi: Cloud Infrastructure, Managed Firewall, Managed Secure Backup, Managed Content & Application Delivery, Business Internet Continuity, Cloud Attached Storage.
La piattaforma Alvea è costituita da una suite unificata, che consente di realizzare combinazioni ad hoc tra le differenti soluzioni disponibili.
Più in dettaglio, con i servizi Alvea i partner potranno garantire una più elevata scalabilità aumentando il numero di applicazioni o licenze in modo rapido e secondo le specifiche necessità, offerte in modalità di servizio e con un “prezzo al consumo”.
Le aziende, infatti, possono individuare le più adeguate tecnologie da implementare in modalità cloud, senza dover procedere con alcuna installazione hardware, ma investendo solo nei servizi scelti. I servizi Alvea sono gestiti direttamente dai reseller attraverso una console dall’interfaccia intuitiva e semplice da amministrare.
“La piattaforma Alvea costituisce un importante ampliamento del nostro portfolio di servizi, a due anni di distanza dall’introduzione anche in Italia dei Professional Services, che hanno riscosso notevole successo sul mercato”, spiega Federico Marini, Amministratore Delegato di Computerlinks Italia e Austria. “L’idea è quella di fornire ulteriori opportunità di business ai nostri partner, in quanto ci rivolgiamo sia ai reseller che non dispongono ancora di un’offerta di servizi “in the cloud”, ai quali diamo quindi la possibilità di erogarli immediatamente senza doversi dotare di strutture ad hoc, sia a quelli che già forniscono servizi gestiti, che potranno quindi affiancare nuovi servizi in maniera modulare e flessibile”.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5