Amazon lancia ElastiCache per migliorare il caching delle pagine web

pittogramma Zerouno

Amazon lancia ElastiCache per migliorare il caching delle pagine web

09 Set 2011

di Nicoletta Boldrini

Ancora un altro servizio proposto da Amazon che ormai aggiunge prodotti e servizi al proprio catalogo con frequenza mensile. Ad espandere l’offerta, stavolta, è la versione beta di ElastiCache: pensata per gli sviluppatori web, è una soluzione per migliorare il caching [memorizzazione di documenti web – pagine HTML, immagini, etc. – per permettere di ridurre l’uso della banda e il tempo di accesso a un sito web ndr] delle pagine web e rendere disponibili i contenuti più rapidamente a chi naviga.
Secondo la stessa Amazon, si tratta di “un nuovo servizio web che rende semplice distribuire, operare e scalare una cache in-memory nel cloud”. Così, in sostanza, le applicazioni web che necessitano di accedere a grandi quantità di dati risultano più performanti, non dovendo “scovare” ogni volta i dati dai database  memorizzati su disco.
In pratica, il servizio è basato su Memcached, un sistema di memory object caching che consente di avere diversi nodi all’interno della struttura di Amazon (la quale diventa quindi la diretta responsabile della loro gestione e della memoria disponibile per il caching dei siti web che sfruttano il servizio). Amazon ElastiCache risulta dunque essere un punto dell’infrastruttura su cui poggiano le web application che però viene gestito completamente da Amazon permettendo ai webmaster di fare caching dei propri contenuti senza dover gestire server dedicati esclusivamente a questa attività.

Nicoletta Boldrini

giornalista

Segue da molti anni le novità e gli impatti dell'Information Technology e, più recentemente, delle tecnologie esponenziali sulle aziende e sul loro modo di "fare business", nonché sulle persone e la società. Il suo motto: sempre in marcia a caccia di innovazione #Hunting4Innovation

Amazon lancia ElastiCache per migliorare il caching delle pagine web

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 2