Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Piattaforme open per il cloud journey

pittogramma Zerouno

Piattaforme open per il cloud journey

22 Lug 2016

di Arianna Leonardi

La digital business platform MetaArc di Fujitsu offre le tecnologie e i servizi necessari alla realizzazione di ambienti IT ibridi. Parte dell’offerta, il servizio cloud IaaS e PaaS Fujitsu Cloud Service K5 che supporta sistemi multi-vendor, offrendo integrazione e TCO ridotto per la trasformazione digitale delle aziende.

Le aziende stanno diventando sempre più consapevoli di dover affrontare le sfide della bimodalità IT (robustezza dei sistemi e contemporaneamente velocità di risposta per supportare progetti di digital innovation): per questo motivo Fujitsu ha sviluppato MetaArc, la Digital Business Platform che include le tecnologie, gli strumenti, i servizi per sviluppare il cloud journey, con un’ampia scelta di soluzioni cloud private, pubbliche o ibride. Il sistema supporta sia l’erogazione rapida di ambienti cloud (Fast It o Systems of Engagement), per lo sviluppo di iniziative tipicamente promosse dalle LOB o per esplorare soluzioni innovative, sia l’ammodernamento del legacy (Robust It o Systems of Record,) per valorizzare gli investimenti passati.
Elemento fondamentale di MetaArc, Fujitsu Cloud Services K5, recentemente annunciato, combina i vantaggi economici dell’open source con la solidità dei sistemi enterprise e la ricchezza di servizi disponibili, puntando alla costruzione di ambienti ibridi. Secondo le dichiarazioni del management aziendale, infatti, il vendor sta facendo investimenti significativi sul fronte dell’integrazione, perché la nuova piattaforma assicuri che i sistemi legacy siano pienamente compatibili con le nuove applicazioni cloud-native.
La tecnologia di automazione UForge, derivante dalla recente acquisizione di UShareSoft, che offre supporto ai processi di sviluppo e delivery software in ambienti multicloud, è stata inclusa nel System Factory Service K5 per consentire la migrazione automatica e il rilascio veloce di applicazioni, supportando le principali piattaforme as-a-service (on e off premise) di terze parti e non solo i servizi Fujitsu.
Disponibile in quattro modelli (public cloud, virtual private hosted, dedicated e dedicated on-premise), K5 sfrutta l’architettura basata su OpenStack (supportata da Service Level Agreement e crediti di servizio calcolati dal momento in cui sorge un problema) per ridurre il Total Cost of Ownership delle aziende e il rischio di lock-in.

Arianna Leonardi

Piattaforme open per il cloud journey

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3