Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Prometeia partecipa al technical program di Microsoft su Windows Azure

pittogramma Zerouno

Prometeia partecipa al technical program di Microsoft su Windows Azure

02 Mag 2011

di Nicoletta Boldrini

Prometeia, società di consulenza, ricerca economica e produzione di soluzioni software di supporto al Risk Management e Wealth Management, è stata selezionata per partecipare, quale unica azienda Europea (su quindici nel mondo), ad un programma pilota promosso da Microsoft: il Technical Computing Azure Accelerator Program (Tcaap).

Il programma consentirà a Prometeia di operare in ambiente Cloud attraverso il web, nella modalità ”pay per use”, utilizzando risorse messe a disposizione dalla piattaforma Windows di Microsoft.
Prometeia ha già da tempo integrato la propria offerta applicativa con Microsoft HPC Server 2008, la soluzione Microsoft per l’High Performance Computing, nonché con Microsoft SQL Server in ambito di database e la piattaforma .Net per lo sviluppo delle applicazioni.
“Siamo orgogliosi di annunciare che Prometeia è l’azienda che Microsoft ha selezionato per la partecipazione a questo programma. La forza di Prometeia che offre ai propri clienti soluzioni software per il Global Risk Management si sposa brillantemente con le soluzioni cloud di Microsoft che possono fornirle un supporto flessibile e dinamico nell’ambito del software finanziario”, sottolinea Pietro Scott Jovane, Amministratore Delegato di Microsoft Italia. “Microsoft ha da tempo focalizzato l’attenzione su questo tipo di applicazioni realizzando piattaforme di Grid-Computing (Windows HPC Server 2008) e Cloud-Computing (Windows Azure)”.
“Partecipiamo con entusiasmo a questa nuova iniziativa con Microsoft – afferma il Presidente di Prometeia Angelo Tantazzi – Siamo consapevoli che dobbiamo investire nelle metodologie per fornire ai nostri clienti soluzioni innovative; nello stesso tempo l’utilizzo delle piattaforme HPC e Azure di Microsoft ci permette di essere all’avanguardia in campo tecnologico a supporto delle nostre soluzioni per il Risk Management."

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5