Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Gartner: il 2011 sarà l’anno del Platform as a service

pittogramma Zerouno

Gartner: il 2011 sarà l’anno del Platform as a service

01 Apr 2011

di Nicoletta Boldrini

È il momento del “middleware cloud”, offerto sia da parte delle software house sia dei service provider specializzati in servizi cloud. A dirlo è una recente analisi di mercato di Gartner

Nel 2011 vedremo “battagliare” sul campo software house e service provider che rilasceranno nel corso dell’anno nuove offerte legate al Platform as a Service, ossia l’offerta, in modalità cloud, del middleware. A contendersi il mercato delle tecnologie che tradizionalmente si collocano a metà tra l’infrastruttura hardware e software “di base” (reti, server, storage, virtualizzazione, sistemi operativi, ecc.) e gli impianti applicativi aziendali, ci saranno anche nuovi vendor derivanti da merge&acquisitions ma anche da nuove realtà che stanno sviluppando soluzioni di questo tipo in-house e le proporranno al mercato.
A dirlo è Yefim Natis, vice president and distinguished analyst di Gartner che, in un suo recente report, precisa tuttavia che nel 2011 non avremo delle vere e proprie novità in termini di offerta quanto, piuttosto, assisteremo al consolidamento delle prime suite PaaS. Saranno gli anni successivi quelli su cui ci sarà maggior fermento in termini di nuove proposte (provenienti anche dai nuovi player).
Secondo l’analista di Gartner, infatti, oggi esistono una dozzina di declinazioni che ruotano intorno all’offerta PaaS; nei prossimi tre anni questa tipologia d’offerta maturerà e si consoliderà in un’offerta più concreta, molto più vicina all’idea di suite PaaS viste come insieme di soluzioni funzionali destinate ad integrarsi in modelli architetturali ibridi, ossia all’interno di private cloud dove si integrano servizi pubblici di PaaS o SaaS.
L’adozione di servizi cloud legati al middleware interesserà maggiormente le aziende di medio-grandi dimensioni, sostiene Natis, ma non sostituirà ciò che già esiste in azienda. Sarà piuttosto una modalità veloce per fare innovazione ed integrare soluzioni avanzate ad un contesto It già esistente.
Vedremo, dice l’analista Gartner, contesti aziendali in cui le applicazioni on-premise e le infrastrutture esistenti coesisteranno, interoperando e integrandosi, con soluzioni “as a Service” come quelle nell’area del middleware. Sarà verso il 2015, conclude l’analista, che vedremo in concreto la maturità degli ambienti ibridi.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5