Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Oracle, il digitale è dirompente: all’Italia serve un cambio di passo

pittogramma Zerouno

Strategie

Oracle, il digitale è dirompente: all’Italia serve un cambio di passo

02 Mar 2015

di Redazione Digital4

Le nostre aziende devono accelerare il percorso di trasformazione e possono farlo grazie alle applicazioni in Cloud e alle nuove tecnologie per i Data Center. Ma nel Paese l’urgenza del cambiamento sembra essere ancora poco percepita. Intervista a Fabio Spoletini, Country Leader di Oracle Italia

Voiced by Amazon Polly

Fabio Spoletini, Country Leader Oracle ItaliaSiamo nel pieno di una nuova rivoluzione, quella digitale, che come un’onda sta investendo la società e il business, trasformandoli radicalmente.

Lo spiegano da tempo gli economisti, come Jeremy Rifkin che al tema ha dedicato il suo nuovo libro “La terza rivoluzione industriale”: oggi che le persone e le cose (con l’Internet of Things) sono always-on, si aprono nuove sfide sul mercato mettendo a rischio i modelli di business tradizionali, cambiando i processi decisionali, abilitando un confronto che è bottom up.

Eppure, nel nostro Paese l’urgenza del cambiamento è ancora poco percepita. «Le aziende italiane devono ancora prendere consapevolezza dell’impatto dirompente che avrà il digitale: fra 5 anni sarà tutto diverso, una strategia che le porti a cambiare pelle è urgente – dice Fabio Spoletini, Country Leader e VP Technology di Oracle Italia -. «Serve un cambio di passo, anche se le esperienze innovative ci sono già anche nel nostro Paese. E servono nuove competenze, come il Data Scientist».

Un tema, questo, su cui Oracle si è impegnata avviando in collaborazione con l’università Luiss un Master in Big Data Analytics. In questo scenario, l’attenzione del colosso dell’IT è focalizzata su soluzioni tecnologiche pensate per abilitare la trasformazione dei processi e ridurre al minimo la complessità, con un’offerta che si declina su due filoni principali: il Cloud, ovvero le applicazioni fruite come Software as a Service, e il Data Center, ovvero sistemi e storage rinnovati secondo il paradigma “software defined”, in grado di portare semplicità in ambienti complessi.

«Ora tutta l’offerta applicativa è disponibile as a service anche per i clienti italiani – dice Spoletini -, la totalità dei processi aziendali è mappata e localizzata e per le imprese più piccole c’è la possibilità di andare in full Cloud: è un passaggio molto importante per Oracle.

Se ne parla da anni, ma oggi il Cloud è un’opportunità concreta, una scelta realmente a portata di mano. Il Cloud saas abbatte la complessità, è vicino al business e parla la sua lingua, è veloce, flessibile, modulabile ed efficiente». Tutte le funzioni aziendali possono trovare nel Cloud una soluzione per le proprie esigenze e molte aziende italiane l’hanno già fatto: dalle Risorse Umane al Marketing, dalle Vendite al Finance, dai Servizi agli Acquisti al Project Management.

Oracle vuole offrire la massima libertà di scelta ai clienti, e per questo ha garantito che manterrà la roadmap di sviluppo prevista anche per tutte le applicazioni on premise.

L’altro filone di innovazione è quello del Data Center, che deve non solo essere performante, ma anche sempre disponibile, sicuro, in grado di gestire i big data. Le nuove architetture si basano su hardware e software ingegnerizzati per lavorare insieme, in grado da un lato di contenere i costi e dall’altro di offrire performance elevate e semplicità di gestione.

E se in passato i clienti guardavano alle tecnologie facendo attenzione prevalentemente ai costi, oggi questo non basta più: è necessario scegliere il meglio e per questo, la società propone ai clienti una scelta di portafoglio molto articolata.

Redazione Digital4

Argomenti trattati

Personaggi

Fabio Spoletini
Oracle, il digitale è dirompente: all’Italia serve un cambio di passo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 5