Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Magro Brothers, un gestionale in Cloud per la startup senza dipendenti

pittogramma Zerouno

esperienze

Magro Brothers, un gestionale in Cloud per la startup senza dipendenti

01 Dic 2015

di Redazione Digital4

Una struttura molto snella per entrare in Italia in un settore maturo e a bassi margini come l’alimentare. Tutti i servizi sono esternalizzati, compreso l’IT: «Ciò ha permesso di ridurre al minimo gli investimenti e di non creare responsabilità interne per disaster recovery e altri aspetti tecnici decisivi per la continuità del business»

Tra i casi raccontati al convegno di presentazione dell’Osservatorio Cloud & ICT As a Service 2015 del Politecnico di Milano c’è anche quello della filiale italiana di Magro Brothers, tipico caso di startup che, partendo da zero per quanto riguarda i sistemi informativi, ha adottato un software gestionale in Cloud.

Magro Brothers srl è nata a Faenza a fine 2013 per commercializzare la produzione di salse e condimenti della capogruppo Magro Brothers, che ha sede a Malta ed esporta in 30 paesi. Per entrare nel mercato italiano, la capogruppo ha creato una joint venture con Prima Srl, società di consulenza di marketing e commerciale specialista su grande distribuzione e GDO.

«La fondazione della filiale italiana rappresenta una sfida imprenditoriale molto coraggiosa per il momento di contingenza economica, e perché il mercato alimentare è estremamente maturo e consolidato – ha spiegato Maria Pia Bertoni, CFO e specialista di soluzioni informatico-gestionali di Magro Brothers srl -. In effetti la penetrazione del mercato italiano è stata più impegnativa rispetto alle aspettative della società e agli obiettivi dichiarati inizialmente».

La strategia di startup, continua Bertoni, si è basata su due capisaldi principali. «Primo: sfruttare tutte le migliori competenze dei due player coinvolti nella joint venture. La Magro ha messo a disposizione tutte le competenze sulla qualità del prodotto e sulle certificazioni necessarie nell’agroalimentare, che sotto questo profilo è un settore estremamente delicato. Prima Srl ha messo in campo le competenze utili ad aggredire il mercato italiano, in particolare il canale GDO».

L’altra strategia è stata di mantenere i costi fissi estremamente bassi. «Parlando di un mercato maturo e molto delicato, le marginalità attese sono bassissime. Si è pensato a una struttura snella, esternalizzando, in concreto, tutti i servizi. Una scelta basata su molte considerazioni, in attesa delle future evoluzioni e partendo da piattaforme e soluzioni scalabili che potessero crescere insieme all’azienda».

La startup – sottolinea Bertoni – è nata addirittura senza dipendenti. «Sono state esternalizzate anche la contabilità e tutta la parte “core” della gestione delle vendite, per cui è stata creata una rete di agenzie e agenti plurimandatari coordinata dall’interno. La parte organizzativa e quella legata ai sistemi informativi sono state affidate a me».

In questo contesto si è pensato ovviamente anche a un’esternalizzazione dei servizi IT e del supporto all’attività dei processi necessari a far funzionare l’azienda. «È stato deciso di adottare la soluzione gestionale Mexal di Passepartout, perché già disponibile anche in Cloud».

Rispetto a un gestionale “in casa”, continua Bertoni, la versione Cloud permetteva di fare minori investimenti, anche in termini di hardware. «Inoltre dal punto di vista della sicurezza non dava minori garanzie, e ci evitava di dover creare responsabilità interne per disaster recovery, e tutti gli aspetti, tecnici ma fondamentali, per garantire la continuità dell’attività di business».

In definitiva, ha concluso Bertoni, il Cloud è stata la risposta a una serie di esigenze che ha anche un’azienda che parte da zero, senza investimenti pregressi. «Parlando di una startup, per sua natura una realtà innovativa, l’implementazione è stata un processo estremamente semplice, e non sono state opposte resistenze da nessun attore coinvolto nel progetto».

Redazione Digital4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link