Cloud, le abitudini degli italiani | ZeroUno

Cloud, le abitudini degli italiani

pittogramma Zerouno

Cloud, le abitudini degli italiani

L’approccio italiano al Cloud è tanto diffuso quanto casalingo. Gli utenti del nostro Paese infatti si connettono da casa attraverso il proprio PC e una…

03 Lug 2012

di Redazione Digital4

L'approccio italiano al Cloud è tanto diffuso quanto
casalingo. Gli utenti del nostro Paese infatti si connettono da
casa attraverso il proprio PC e una larghissima parte di loro
utilizza la tecnologia cloud per condividere foto private e
entertainment in genere. Pochissimi sono disposti a farsi dare
consigli da chi è più esperto.

Queste sono le abitudini che saltano all'occhio analizzando
il sondaggio di MSN sulle abitudini degli utenti che accedono al
Cloud svolto tra oltre 10.500 utenti in Europa e Sud Africa.

Come ci si connette?

Nel nostro Paese solo un terzo degli abitanti utilizza device
multipli per connettersi e addirittura l'83% si connette al
Cloud solo ed esclusivamente dal PC di casa, a fronte di un dato
globale che favorisce l'utilizzo del laptop personale,
utilizzato dal 54% degli intervistati. La percentuale di coloro
che utilizzano il Cloud dal proprio smartphone in Italia è ferma
al 19% contro un dato globale del 37%.

Perché il Cloud?

Gli italiani utilizzano la tecnologia Cloud per due ragioni. La
prima è che in questo modo possono accedere facilmente ai propri
file ovunque si trovino. La seconda è la condivisione, che è un
tema fondamentale. Sono sempre di più, oltre il 42%, le persone
che condividono le proprie fotografie con gli altri utenti,
mentre se osserviamo le percentuali sui documenti e sui contatti
troviamo dati più bassi: 30 e 23%.

La sicurezza

Il dato italiano che fa riflettere è la scarsa attenzione ai
rischi legati alla privacy collegati all'utilizzo del Cloud.
Secondo il sondaggio gli italiani sono i meno preoccupati in
assoluto. Probabilmente nel nostro Paese mancano informazione e
sensibilizzazione sui rischi che si possono correre. Solo il 14%
degli utenti teme che il fornitore Cloud possa accedere ai
documenti personali e solo il 27% teme che le proprie credenziali
possano essere rubate. Anche sul tema delle fotografie condivise
c'è poca attenzione alla privacy: il 79% degli intervistati
italiani non pagherebbe per riavere le proprie immagini digitali.
Pur sapendo che potrebbero finire nelle mani di chiunque.

Consigli? No, grazie

Sulla scelta del Cloud e dei dispositivi da cui accedere gli
italiani preferiscono agire con scelte proprie piuttosto che
farsi aiutare da chi è esperto: solo il 9% si affida a consigli
e raccomandazioni. Tuttavia il 40% degli utenti intervistati nel
nostro Paese fa una valutazione attenta delle offerte e della
semplicità di accesso dei vari dispositivi.

D

Redazione Digital4

Articolo 1 di 3