Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Artoni Trasporti, il sistema informativo va in Cloud in tre passi

pittogramma Zerouno

Esperienze

Artoni Trasporti, il sistema informativo va in Cloud in tre passi

13 Gen 2015

di Redazione Digital4

Il progetto ha visto la “relocation” dei sistemi dipartimentali e la migrazione delle infrastrutture, il passaggio dell’ambiente ERP, e infine l’attivazione di un servizio di Application Management Support. I risultati: costi dell’IT dimezzati, tempi di elaborazione ridotti del 30-40%, e numero di fornitori ridotto da sei a uno

Artoni Trasporti – una delle più note realtà italiane nel settore dei trasporti e della logistica integrata – ha intrapreso un percorso che ha portato alla migrazione del sistema gestionale e dipartimentale in ambiente Cloud.

A fronte della forte crescita dei flussi commerciali e logistici – oggi Artoni conta 70 filiali distribuite sul territorio nazionale, circa 13.000 aziende clienti e 7 milioni di spedizioni l’anno – l’azienda ha sentito negli ultimi anni l’esigenza di un aggiornamento infrastrutturale dei sistemi IT, con l’intento di migliorare il servizio al cliente, contenere i costi e garantire una maggiore rispondenza tra l’infrastruttura e il governo IT con le esigenze del business.

Tutto questo ha portato alla scelta di interagire con un unico fornitore, che fosse in grado di assicurare livelli di servizio infrastrutturali e applicativi, al quale delegare gli aspetti più operativi in modo da consentire alla direzione IT di concentrarsi sugli aspetti core del business, e la scelta dell’aziende è caduta su Dedagroup.

Il progetto, che si è articolato in tre fasi, ha previsto in prima battuta la “relocation” nei Data Center Dedagroup di tutti i sistemi dipartimentali (multiambiente, multivendor, legacy e open), la progressiva normalizzazione degli ambienti, e la migrazione sulle infrastrutture di Dedagroup. L’intero strato infrastrutturale viene interamente gestito dal team Cloud & Managed Services della Direzione IT interna, che assicura l’esercizio e presidia gli SLA contrattualizzati.

La seconda fase del progetto è stata caratterizzata dalla migrazione dell’ambiente ERP dalle piattaforme legacy all’ambiente Cloud del fornitore, a garanzia di una maggiore agilità e del contenimento dei costi: il canone mensile omnicomprensivo infatti ha permesso di passare da una spesa di 2 milioni di euro a circa un milione annuo.

Infine è stato attivato un servizio di Application Management Support (AMS) che consente il presidio dell’ambito applicativo e infrastrutturale del sistema informativo e la delega dell’intero servizio di supervisione e manutenzione al fornitore di sistemi ICT.

In questo modo, contrariamente a quanto avveniva in precedenza, in caso di malfunzionamento dei servizi infrastrutturali, la funzione IT dell’azienda non si deve più occupare dell’individuazione e della risoluzione del guasto confrontandosi con sei fornitori, ma a gestirne la manutenzione è il fornitore.

Inoltre il progetto ha permesso di migliorare la velocità di elaborazione dati del 30-40% e ottenere una maggiore scalabilità: ora è possibile supportare l’espansione del parco applicativo attraverso l’attivazione di nuovi server virtuali in pochi secondi, eliminando gli investimenti anticipati e l’obsolescenza infrastrutturale.

In futuro, Artoni Trasporti prevede la migrazione in Cloud anche del sito di logistica, con il supporto dello stesso fornitore.

Redazione Digital4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link