Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ynnova: l’intelligenza delle cose al servizio della manutenzione

pittogramma Zerouno

Ynnova: l’intelligenza delle cose al servizio della manutenzione

02 Dic 2014

di Elisabetta Bevilacqua

La qualità del servizio offerto ai clienti e la capacità di ridurre i downtime dei propri prodotti è un fattore determinante per la competitività dei produttori di macchinari. È questa l’idea, sottolineata da Lorenzo Melato co-fondatore e Ceo di Ynnova, alla base della creazione della startup che offre una soluzione di monitoraggio e gestione degli interventi basata su IoT per prevenire i malfunzionamenti.

Ynnova nasce nel maggio 2012 per iniziativa di alcuni professionisti provenienti dall’industria del freddo e dall’automazione industriale, con esperienza in Italia e all’estero, in particolare in Cina. “Ci siamo specializzati nella catena del valore della manutenzione utilizzando l’Internet of Things per superare la logica prevalente in questo campo, che potremmo definire ‘disconnessa’ [ossia con interventi predeterminati e non legati al reale stato della macchina ndr] e proporre un monitoraggio intelligente e integrato delle macchine – spiega Lorenzo Melato, co-fondatore e Ceo di Ynnova – L’obiettivo è permettere al manufacturer di garantire una migliore performance in termini di servizio”.

Lorenzo Melato co-fondatore e Ceo di Ynnova con alcuni sistemi di rilevazione in occasione di Maker Faire 2014

Ynnova si rivolge dunque alle industrie manifatturiere con una soluzione che gestisce sia impianti già dotati di sensori capaci di rilevare le grandezze fisiche critiche o, se non sono presenti, li installa. Le grandezze fisiche vengono raccolte, normalizzate, memorizzate utilizzando il cloud (con tecnologia Azure di Microsoft). Ricordiamo che, dopo pochi mesi dalla creazione, Ynnova è stata ammessa al programma BizSpark, che supporta le startup offrendo software gratuito e le inserisce nel circuito internazionale Microsoft.
Se dall’analisi dei dati emergono criticità, il sistema Ynnova allerta automaticamente il team di assistenza predefinito per il problema rilevato. “Ci piace dire che il nostro sistema trova sempre la persona giusta nel momento giusto”, sottolinea Melato.
La soluzione si presenta come orizzontale per diversi settori industriali anche se sono necessari alcuni adattamenti per rispondere alle differenti esigenze: “Abbiamo già clienti nel settore dell’energia, in particolare nella produzione da biogas, e ci stiamo rivolgendo alla diagnostica medica, per la quale la riduzione dei downtime è strategica – precisa Melato – I nostri potenziali clienti sono tutti i produttori di macchine mentre gli interlocutori all’interno delle aziende sono stati finora i service manager, i Cto e i tecnici che operano sul campo”.
La startup ha ricevuto un finanziamento a fondo perduto (di circa 140mila euro pari al 55% del costo del progetto) dalla Regione Veneto e dall’Unione Europea per sviluppare un sistema di analytics che, attraverso algoritmi di inferenza statistica e di machine learning, sarà in grado di prevedere quando la macchina sta per rompersi: “Entriamo così nel campo della predictive maintenance che rappresenta la chiave di volta per aumentare il livello di servizio nel campo del service e della manutenzione”, conclude Melato, ricordando che Ynnova è alla ricerca di altri investimenti pubblici e privati per sviluppare ulteriormente l’intelligenza delle macchine.

Elisabetta Bevilacqua
Giornalista

Sono attiva dal 1989 nel giornalismo hi-tech, dopo esperienze in uffici studi di grandi gruppi e di formazione nel settore dell’informatica e, più recentemente, di supporto alle startup. Collaboro dal 1995 con ZeroUno e attualmente mi occupo soprattutto di trasformazione digitale e Industry 4.0, open innovation e collaborazione fra imprese e startup, smart city, sicurezza informatica, nuove competenze.

Articolo 1 di 5