Software e Servizi It italiani: la piaga delle basse tariffe | ZeroUno

Software e Servizi It italiani: la piaga delle basse tariffe

pittogramma Zerouno

Software e Servizi It italiani: la piaga delle basse tariffe

16 Mar 2012

di Andrea Giacardi

SCRIVETELO VOI

“Scrivetelo voi” è un’iniziativa di ZeroUno per rafforzare, insieme a tutti gli altri strumenti di collaboration e di social networking presenti sul sito, la volontà di co-creazione di contenuti con i lettori. Presso Cio, analisti, rappresentanti del mondo dell’offerta ci sono competenze di estremo livello qualitativo e un’effervescenza di analisi e di proposta che un portale come il nostro deve riuscire a portare alla luce senza mediazioni, con il linguaggio e la prospettiva di chi, quotidianamente, si confronta con la difficile sfida di dare all’Ict un ruolo di maggiore valore rispetto ai processi di innovazione oggi necessari presso le aziende e nel Paese.
Mandateci dunque le vostre opinioni, provocazioni e idee, e noi le pubblicheremo. Naturalmente ben attenti alla “Web etiquette”: non potremo infatti pubblicare qualsiasi tentativo di “pubblicità occulta”. Per dare a questo spazio il valore che merita: dare voce al mercato sui problemi più urgenti da risolvere attraverso un dibattito e un’azione comune.
Mandaci il tuo contributo scrivendo a: redazione@zerounoweb.it

 

Le osservazioni che seguono non hanno alcuna pretesa di sviscerare a fondo l’argomento; ci vorrebbero interi tomi, e non si riferiscono ad alcuna azienda in particolare, tantomeno la mia. Le domande sembrano scontate, anzi retoriche, ma non lo sono: mi piacerebbe proprio che qualcuno avesse la risposta.
Lo stato di salute delle società di Software e Servizi IT italiane non è particolarmente buono, e non lo è neppure quello di molte delle filiali italiane delle multinazionali del software.
A stare peggio sono le società di servizi o in cui la componente di servizi è predominante rispetto al software pacchettizzato: è il quadro che scaturisce dall’analisi condotta da Nextvalue per il Rapporto Assintel 2011, quadro del resto confermato dalle cifre che provengono anche da Assinform Confindustria.
Leggendo quelle pagine non mi sono affatto stupito. Sono dati che in qualche modo mi aspettavo visto che parlo quotidianamente con colleghi di Milano, Torino e Roma. L’Ebitda a due cifre è un miraggio, gli utili, quando ci sono e non sono il frutto di alchimie di bilancio, sono comunque scarsi e insufficienti a garantire crescita e innovazione, la situazione finanziaria fa sovente rabbrividire.
Ma perché siamo in questa situazione? Come sempre le cause sono molteplici, ma ne voglio evidenziare una, la più semplice, a mio avviso la più importante: tariffe troppo basse (e progetti e servizi valorizzati sulla base delle tariffe troppo basse).
Perché se vado a Nizza, Marsiglia, Monaco o Stoccarda un idraulico, un dentista, un consulente amministrativo lo pago esattamente come a Torino o Genova o Roma, mentre un analista programmatore, un sistemista, un esperto SAP lo pago il doppio?
Perché vengono bandite e aggiudicate gare, in particolare dalla Pubblica Amministrazione, a tariffe giornaliere insufficienti a coprire il solo costo della risorsa umana derivante dall’applicazione dei principali contratti di lavoro nazionali?
Siamo convinti tutti ormai della necessità di “digitalizzare l’Italia”; ne è convinto il Governo, lo sono Confindustria e le altre associazioni di categoria; esistono anche stime sui risparmi, sull’incremento del Pil che potrebbe derivarne, sull’incidenza sulla competitività delle nostre aziende.
Ma se aziende ed enti pubblici ne sono veramente convinti, perché non spendono qualcosa in più nell’IT?
Per poter supportare adeguatamente il processo di digitalizzazione, le nostre aziende di software e servizi IT devono cambiare, innovarsi, crescere da un punto di vista dimensionale, altrimenti nelle attività di digitalizzazione del nostro Paese verranno coinvolte e trarranno vantaggio le sole multinazionali straniere oppure, e lo ritengo più probabile, il processo stesso verrà abortito. E lo stato di salute in cui versano le nostre aziende, vedi sopra, non sembra compatibile.
Un’altra conseguenza negativa derivante dalle tariffe troppo basse è l’impossibilità di garantire un adeguato livello retributivo alle risorse, anche a quelle di valore che costituiscono il motore delle azioni di rinnovamento.
A puro titolo di esempio, mi è capitato recentemente di entrare in contatto con studenti torinesi che avevano appena conseguito una doppia laurea, a Torino e a Nizza (Sophia Antipolis): le offerte economiche che avevano ricevuto a Nizza, come primo impiego, erano esattamente una volta e mezza quelle che avevano ricevuto qui a Torino  e che avremmo potuto fargli noi come azienda italiana.
Perché non siamo in grado di offrire adeguate prospettive di carriera (retributive in special modo) alle risorse indispensabili per attivare il processo di modernizzazione che diciamo tanto di voler intraprendere?
* Andrea Giacardi, Presidente Consoft Sistemi

 

G

Andrea Giacardi

Articolo 1 di 4