Intelligenza artificiale e sanità, focus sui problemi cardiovascolari | ZeroUno

Intelligenza artificiale e sanità, focus sui problemi cardiovascolari

pittogramma Zerouno

News

Intelligenza artificiale e sanità, focus sui problemi cardiovascolari

Almawave e Università Campus Bio-Medico di Roma, in particolare, intendono sviluppare e validare un modello che attraverso le più elevate tecnologie di AI supporti medici e sanitari nella gestione dei pazienti, sia acuti che cronici

09 Lug 2021

di Redazione

Firmata una convenzione triennale tra Università Campus Bio-Medico di Roma e Almawave che prevede attività congiunte per supportare lo sviluppo e l’innovazione tecnologica nell’ambito di sistemi di intelligenza artificiale applicati alla salute e in particolare alla prevenzione e al monitoraggio delle patologie cardiovascolari.

Il progetto alla base della convenzione, attraverso il bagaglio di competenze e tecnologie all’avanguardia della società, unito all’esperienza di ricerca dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, ateneo capofila del Dottorato Nazionale in AI PhD-AI.it (Area Salute e scienza della vita) istituito da Miur e CNR, punta ad applicare i più innovativi sistemi di AI ai molteplici campi della medicina. Il tutto con il più generale obiettivo di incrementare le conoscenze tecnico-scientifiche delle parti e rispondere con sempre maggiore forza alle sfide della trasformazione digitale della società.

Almawave e Università Campus Bio-Medico di Roma, in particolare, intendono sviluppare e validare un modello che attraverso le più elevate tecnologie di AI supporti medici e sanitari nella gestione dei pazienti, sia acuti che cronici, affetti da patologie cardiovascolari. Quest’ultime rappresentano oggi la principale causa di morte in Italia (Fonte: Ministero della Salute).

Risulta pertanto fondamentale ricercare, sperimentare e quindi realizzare strumenti facilmente fruibili che agiscano sia in un’ottica di prevenzione (per esempio attraverso tecnologie che forniscano in tempo reale informazioni utili ai medici per anamnesi e diagnosi) sia per facilitare percorsi di cura o di riabilitazione, in ambito ospedaliero come domiciliare, favorendo l’autonomia del paziente.

«Il progetto di collaborazione tra Almawave e UCBM -ha dichiarato Valeria Sandei, Amministratore Delegato di Almawave – nasce con l’obiettivo di portare un contributo concreto allo sviluppo dell’eHealth, coniugando ricerca scientifica, eccellenza medico-sanitaria e alta competenza tecnologica in una filiera di innovazione integrata, al servizio dei cittadini e del territorio. I sistemi digitali e di intelligenza artificiale possono costituire un alleato strategico nel campo della tutela e promozione della salute e possono svolgere un ruolo di significativo supporto ai medici in diversi ambiti, dagli strumenti di conoscenza ai progetti di sperimentazione, dalla prevenzione ai percorsi di diagnosi e cura».

«Abbiamo stretto questa convenzione con Almawave – ha spiegato Raffaele Calabrò, Rettore dell’Università Campus Bio-Medico di Roma – per portare sempre di più la medicina sul territorio e semplificare il rapporto tra medici, pazienti e dati grazie all’Intelligenza Artificiale. Da tempo l’Università Campus Bio-Medico di Roma ha creato sinergie tra le attività sanitarie e quelle ingegneristiche e oggi, grazie alle opportunità offerte dall’Intelligenza Artificiale, vuole andare avanti ancora. Non possiamo dimenticare il rapporto diretto tra medico e paziente: la tecnologia può migliorare la salute delle persone ma la relazione di cura deve rimanere».

Nell’ambito della partnership saranno sviluppati e promossi anche programmi di ricerca e sviluppo, interscambi con ricercatori e studenti, tirocini presso Almawave oltre a percorsi formativi a più livelli.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 5