Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Genova diventa Smart con Ibm

pittogramma Zerouno

Genova diventa Smart con Ibm

16 Feb 2011

di ZeroUno

Il Comune di Genova e Ibm condividono la visione di un nuovo modello di città “Smarter” in cui le tecnologie vengono utilizzate per migliorare la vivibilità e l’attrattività della città

Con la firma dell’accordo strategico siglato tra il sindaco di Genova Marta Vincenzi e Nicola Ciniero, presidente e amministratore delegato di Ibm Italia, il Comune di Genova ed Ibm condividono la visione di un nuovo modello di città “Smarter”, in cui le tecnologie sono al servizio di una migliore vivibilità e attrattività della città.
Per il Comune di Genova si tratta di un’ ulteriore declinazione di iniziative previste nel mandato di programma dell’attuale Amministrazione.
Per poter dare maggior forza all’ambizioso programma di trasformazione della città, il Comune ha previsto di partecipare al bando europeo sul tema Smart City atteso per fine del 2011. Nello sviluppo di quest’ idea, a testimonianza del valore della visione proposta, il Comune ha sensibilizzato e coinvolto nel progetto i diversi attori del territorio: dalla ricerca, alle imprese, alle istituzioni, alle banche, alle associazioni.
“Il progetto Genova Smart City – dichiara il sindaco Marta Vincenzi – si sposa perfettamente con la metodologia di pianificazione e programmazione avviata con Urban Lab, che prevede un approccio multidisciplinare che legge la città sotto diversi aspetti, per scegliere quelle azioni, quegli interventi, quelle regolazioni che portino Genova verso la vision futura, scelta dai cittadini stessi. L’impegno di Ibm, presente a Genova con una sua filiale, qualifica ulteriormente il nostro percorso e confidiamo in una collaborazione concreta, che permetta a noi l’utilizzo di strumenti innovativi ed a Ibm di sperimentare su Genova la propria esperienza, creando insieme un modello esportabile ad altre realtà.”
“Ibm è orgogliosa di partecipare a questo tavolo di lavoro strategico mettendo a disposizione la propria capacità progettuale al servizio dell’innovazione dei centri urbani” – dichiara Nicola Ciniero, presidente e amministratore delegato di Ibm Italia. “Noi siamo pronti a fare la nostra parte collaborando con l’Amministrazione comunale per portare Genova al livello delle più evolute Smarter City europee”.

Ibm potrà contribuire offrendo visione, competenza ed esperienza attraverso metodologie e soluzioni in materia di previsione e analisi avanzata, dedicate allo sviluppo di sistemi di monitoraggio e di pianificazione. Il loro avanzamento seguirà i passi di un’evoluzione progettuale pianificata dall’Amministrazione. Altri ambiti di intervento sono poi legati all’Infomobilità, al controllo delle acque, alle Smart Grid, al monitoraggio dei valori di Co2 e a tutti quegli ambiti che potrebbero risultare di interesse per l’Amministrazione comunale. Diverse sono le comunità locali, sia in Italia sia all’estero, che hanno già intrapreso un cammino di innovazione affrontando specifiche problematiche in partnership con Ibm.

ZeroUno

Articolo 1 di 5