Outsourcing dei servizi: l’approccio SAP Basis

pittogramma Zerouno

Sponsored Story

Outsourcing dei servizi: l’approccio SAP Basis

Affidare la gestione dei sistemi SAP a un partner specializzato offre la possibilità di sfruttare al massimo la piattaforma ottimizzando le spese di gestione.

Pubblicato il 11 Gen 2023

di Redazione

SAP Basis è l’insieme delle attività di configurazione, installazione, bilanciamento di carico e gestione delle performance delle applicazioni SAP che funzionano attraverso Java e SAP ABAP. In pratica, si tratta del fondamentale tecnico sul quale si appoggeranno poi, a vario titolo, tutti i componenti dell’ecosistema SAP.

Fra le attività SAP Basis si trovano anche, per esempio, quelle relative alla gestione di basi di dati, sistemi operativi, applicazioni e server Web necessari perché i livelli superiori funzionino correttamente.

La “sala macchine” dell’ecosistema SAP

Come è facile intuire, si tratta di un insieme di pratiche estremamente importanti, proprio perché tratta principalmente gli aspetti più tecnici e operativi della configurazione, installazione e mantenimento di un ecosistema SAP e richiede un set di competenze molto tecniche e molto specifiche. Proprio per questo motivo, la scelta delle aziende si sposta sempre più verso l’outsourcing. Per spiegare le motivazioni di questa scelta abbiamo sentito Domenico Ozimo, SAP Certified Technical Leader di Present, azienda attiva nel campo delle consulenze digitali da più di 30 anni, che con i suoi 180 consulenti qualificati e certificati SAP si pone come player di riferimento nel mercato. Insieme abbiamo cercato di chiarire perché sempre l’outsourcing dei servizi è la scelta preferenziale con SAP Basis.

Domenico Ozimo, SAP Certified Technical Leader di Present

Iniziare con le idee chiare

La qualità della progettazione iniziale è uno dei temi più importanti quando un’azienda inizia a relazionarsi con SAP, che nasce per dare risposte a necessità e problematiche complesse. Secondo Ozimo “al fine di una progettazione efficace è fondamentale una fase di assessment e tuning propedeutica alla stessa”. L’analisi iniziale, che ancora oggi in alcuni contesti si tende a sottovalutare, riveste invece un’importanza strategica. “Un progetto ben strutturato, con un team di persone qualificate e di esperienza, fa sì che le operazioni siano indirizzate e seguite al meglio. Esclude eventuali problematiche che potrebbero influire sul rispetto delle tempistiche e sulla riuscita del progetto stesso”.

Il ruolo dei consulenti SAP Basis è quello di indirizzare l’intero progetto: una responsabilità importante che le aziende preferiscono demandare a professionisti certificati e che abbiano già esperienza nella gestione di strutture di complessità omologa.

PRESENTMSP_comepotenziareiltuoitconiservizigestiti

Monitoraggio e controllo

SAP Basis, come suggerisce il nome, è un insieme di strumenti che potremmo definire vitali per gestire correttamente un’architettura SAP. Per questo motivo, il system landscape, una volta creato, deve essere monitorato e mantenuto nel modo migliore.

“Se il system landscape è ben monitorato si ha la possibilità di accorgersi in real time di eventuali disservizi e poter prontamente far intervenire i tecnici per il ripristino. Garantisce inoltre la possibilità di avvisare i responsabili del business in caso di impatti”, spiega Ozimo. Un tipo di attività difficilmente gestibile dal personale interno, dal momento che, per la maggior parte dei contesti, richiede fra le altre cose un presidio 24/7, esigenza soverchiante, in termini di risorse, per la maggior parte delle aziende che utilizzano una sola infrastruttura.
Tuttavia, un buon monitoraggio comporta considerevoli vantaggi: permette all’azienda di essere proattiva e, attraverso le buone pratiche di manutenzione e gestione dei warning è possibile evitare problematiche future, compreso il degrado dei servizi o i blocchi del sistema. In alcuni casi il raggiungimento di questi obiettivi si ottiene attraverso la creazione di tool dedicati, che Present Spa realizza per i propri clienti.

Esternalizzare per una maggiore efficienza

La tendenza ad affidare all’esterno anche quella che potrebbe apparire come manutenzione ordinaria è sempre più presente nelle aziende, anche in contesti diversi da SAP. Al di là dell’aspetto legato in senso stretto alle skill, è soprattutto un tema di ottimizzazione delle risorse. Con contratti stipulati ad hoc si evitano, per esempio, spese di gestione del personale fuori orario lavorativo e si può avere la garanzia di un supporto continuativo, conformità nei confronti delle nuove versioni e dei requisiti di sicurezza e la disponibilità di personale sempre formato e aggiornato. La ragione di questo, come sappiamo, è nelle logiche di scala, che permettono alle aziende fornitrici di garantire una più puntuale formazione del proprio personale.

Superare la scarsità di competenze e contenere i costi infrastrutturali

Oltre ai numerosi vantaggi operativi, l’outsourcing permette di superare anche problematiche di altra natura. Una su tutte è la scarsità di competenze offerte dal mercato IT in cui, come sappiamo, il problema è una costante, soprattutto nel mercato italiano.

L’outsourcing, tuttavia, permette anche di fare fronte al problema della gestione dei centri di costo, mitigando sia i costi mirati del dipendente, sia, nel caso in cui l’outsourcing preveda anche soluzioni tecniche As a Service, i costi di infrastruttura, in particolare per quanto riguarda i cespiti legati all’hardware.

Va ricordato che l’outsourcing non è riservato ai nuovi progetti. Anche se questa rimane la strada preferibile, a fronte di un passaggio di consegne è possibile intervenire anche su infrastrutture già esistenti, trasformandole in risorse in outsourcing.

Superare la complessità decisionale

Per i decisori interni alle aziende oggi orientarsi fra le diverse tipologie di offerta gestita non è sempre semplice. Per concludere, abbiamo approfittato della competenza degli esperti di Present Spa per aiutarci a fare chiarezza, cercando di definirne le principali tipologie.

Outsourcing in genere si riferisce all’esternalizzazione dei propri sistemi, sia hardware sia a livello di gestione degli applicativi (AMS), sia dal punto di vista applicativo sia da quello sistemistico, comprendendo la gestione dei sistemi operativi, di SAP Basis stesso e delle basi di dati.

Application Management Services in genere è il supporto sistemistico applicativo. In questo caso il team SAP Basis interviene in attività come il deployment, la gestione della sicurezza, e l’Identity Access Management, ovvero la gestione e l’organizzazione degli accessi alle risorse.

Infrastrutture as Service è un termine che fa riferimento al mondo Cloud e, come suggerisce il nome, presuppone l’acquisizione di un servizio invece dell’acquisto di una infrastruttura fisica. In questo caso l’ecosistema diventa indipendente dall’hardware, permettendo più flessibilità, ma è indispensabile un centro di controllo dei costi. Anche in questo caso, è consigliabile affidare questo ruolo a una figura dell’outsourcer, che abbia una conoscenza sia dei servizi, sia del progetto in essere.

In conclusione, ricordiamo che SAP BASIS è uno dei servizi offerti dall’IDC (Integrated Delivery Center), guidato da Andrea Pitturru, Integrated Delivery Center Manager di Present.

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Outsourcing dei servizi: l’approccio SAP Basis

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 2