Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ibm: l’hybrid It parte dal datawarehouse

pittogramma Zerouno

Ibm: l’hybrid It parte dal datawarehouse

30 Set 2016

di Nicoletta Boldrini

Ripensare l’It aziendale in un mondo ‘hybrid’ richiede impegno – nel controllo e nella governance – e coraggio di sperimentare nuove strade, senza avere alle spalle una ‘storia’ da cui trarre conoscenza utile. Per scomporre e ricomporre nuovi ambienti, sempre più dinamici e compatibili con le necessità dell’era del digital business, anche gli analytics ‘cambiano pelle’. Se ne è parlato all’Ibm Tech Day

“Accanto al problema di far funzionare la macchina It, c’è oggi il dovere di sperimentare la potenza delle nuove tecnologie per le quali, non essendoci alcuna storia pregressa, non c’è use case che possa dire se va bene o no, per esempio, passare al mobile, al social o investire in un progetto IoT”.

Massimo Pezzini, Vp & Gartner Fellow

È così che si esprime al massimo della sua concretezza il concetto di It bimodale che Massimo Pezzini, Vp & Gartner Fellow, ha ribadito pochi giorni fa dal palco dell’Ibm Tech Day. “Vero è – aggiunge l’analista italiano – che non si può pensare di rivoluzionare tutto; la bimodalità oggi si esprime in specifici contesti dove la curva di apprendimento si sviluppa attraverso la sperimentazione all’interno di ‘nicchie’ progettuali, spesso anche mediante nuovi approcci collaborativi con le Lob, prima di essere poi estesa all’interno dell’It nel suo complesso”.

Attenzione però a non confondere il concetto di It bimodale con l’idea di ‘convivenza forzata’ tra vecchi sistemi legacy e nuove tecnologie indirizzando il budget solo verso queste ultime; “immobilizzare gli investimenti sulla parte core dell’It è una trappola che può portare a ‘debiti tecnici’ tra le due anime del bimodal It”, osserva Pezzini. “Senza dimenticare che non investire nell’evoluzione dei sistemi legacy potrebbe compromettere anche l’efficacia dei nuovi progetti che guardano al cloud, alla mobility o agli analytics, per i quali c’è bisogno di adeguate infrastrutture di supporto”.

Anche il data warehouse diventa ibrido

Walter Aglietti, Big Data Technical Leader and Technical Manager di Ibm Software Group

“Liberarsi dall’It non significa che si può fare a meno dell’It, vuol dire svincolarsi dalla dipendenza dall’on-premise abilitando un utilizzo self-service della tecnologia per dare più opportunità agli utenti”, commenta a tal riguardo anche Walter Aglietti, Big Data Technical Leader and Technical Manager di Ibm Software Group.

Per riuscire concretamente a svincolarsi dall’It lasciando al dipartimento l’onere della governance servono tool abilitanti, che nella visione di Ibm partono dal data warehouse, anch’esso sempre più tendente all’ibrido come Ibm dashDB, un data warehouse completamente gestito e disponibile in cloud pensato per applicazioni di analytics.

Fabrizio Napolitano, Analytics Architect di Ibm Italia

“dashDB rappresenta uno dei tasselli del concetto di logical data warehouse all’interno del quale Ibm fa ricadere prodotti e strategie volte ad una reale convergenza tra sistemi on-premise e in cloud, tra cui dashDB Local (un software-defined data warehouse ottimizzato per ambienti di private cloud), Ibm DB2 e tutti gli ambienti di in-database analytics (anche open source come Hadoop)”, specifica Fabrizio Napolitano, Analytics Architect di Ibm Italia. “Lungo tutti questi ‘mattoncini’ tecnologici si estende Common Analytics Sql, un engine comune per l’accesso, l’utilizzo, l’analisi dei dati che abilita una vera e propria soluzione ‘portabile’ di hybrid data warehouse”.

Nicoletta Boldrini

Direttore di AI4Business e giornalista del Network Digital360: mi occupo di tendenze ed evoluzioni tecnologiche analizzandone l’impatto all'interno delle aziende e nel loro modo di 'fare business'. Come giornalista ho la possibilità di ‘vedere in anticipo’ le rivoluzioni tecnologiche, come consulente e mentor aiuto manager, imprenditori e startup a trasformare la 'rivoluzione digitale' in realtà. Sono interessata alle dinamiche di innovazione che abilitano i percorsi di trasformazione delle imprese ed è qui che metto a frutto le mie competenze. Il mio motto: sempre in marcia a caccia di innovazione!

Ibm: l’hybrid It parte dal datawarehouse

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3