Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ibm fa cultura sul Welfare alla Statale di Milano

pittogramma Zerouno

Ibm fa cultura sul Welfare alla Statale di Milano

03 Dic 2008

di Riccardo Cervelli

Prosegue la collaborazione iniziata nel 2005 tra Ibm e la Graduate School in Social Sciences . Una collaborazione basata sull’istituzione, in seno al Master Europeo in Scienze del Lavoro della facoltà di Scienze Politiche dell’Università Statale di Milano, di incontri denominati “Ibm Rotating Chair in Labour Studies”. In questi cicli di incontri, Big Blue si impegna a portare a parlare nell’ateneo milanese esponenti del mondo del lavoro e del welfare. In passato si sono segnalati i casi di nomi del calibro di Richard Freeman e Jelle Visser.
I lavori della terza “Ibm Rotating Chair in Labour Studies” sono iniziati il 18 novembre con una conferenza intitolata “I modelli del capitalismo sono esportabili? Riflessioni dopo la crisi finanziaria”. A tenerla l’economista che Ibm ha scelta quest’anno per tenere il corso, ovvero Pierre Cahuc, uno dei più autorevoli esperti di economia del lavoro su scala mondiale. Tra i prestigiosi ruoli rivestiti da Cahuc meritano di essere menzionate la qualifica di professore all’Ecole Polytecnique di Parigi e quella di membro sia della Commission Economique de la Nation sia del Conseil d’Analyse Economique, consiglio consultivo del Primo Ministro.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Argomenti trattati

Approfondimenti

S
Social

Articolo 1 di 5