Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Data Driven Administration: la ricetta Dedagroup

pittogramma Zerouno

Data Driven Administration: la ricetta Dedagroup

Luigi Zanella, Consulting and Business Development Director – Public sector & Utilities di Dedagroup, spiega quali soluzioni ha sviluppato l’azienda per supportare la digitalizzazione della Pa e per rendere gli enti consapevoli dello stato di avanzamento del proprio percorso evolutivo.

28 Set 2016

di Valentina Bucci

La Pa punta alla “Data Driven Administration”, e lo fa, come ci racconta Luigi Zanella, Consulting and Business Development Director – Public sector & Utilities di Dedagroup, nonostante l’informatizzazione frammentata, a silos, tipica ancora tutt’oggi di molti enti, e nonostante le normative a favore di un riordino

Di questo servizio fanno parte anche i seguenti articoli:
LO SCENARIO – PA, quanto è vicina la Data Driven Administration?
IL PROGETTO – “Co­Innovation Lab”: tecnologie e competenze per l’interoperabilità dei dati

amministrativo che, spingendo i Comuni a fondersi per ottimizzare spese e risorse, crea nuove entità purtroppo spesso non sufficientemente stabili da rendere fattibili, sul fronte digitale, progetti a lungo termine.

Un grande aiuto arriva dall’Agenzia per l’Italia Digitale che ha dettato standard e architetture utili sia agli enti che ai fornitori di soluzioni per la Pa per costruire applicazioni che supportino l’interoperabilità necessaria a una Pa digitalizzata.

“Civilia Next” e “Ca.Re.”

Proprio su questi standard è costruita Civilia Next, piattaforma web nativamente integrata con tutti gli asset immateriali del modello nazionale (Spid-Sistema Pubblico di Identità Digitale, Anpr-Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, PagoPa, il sistema dei pagamenti digitali per la Pa) che cambia radicalmente il modo di gestire i processi dell’Ente:

  1. Figura 1: Modello del Ca.Re. – Indice di Cambiamento Realizzato – Fonte: Dedagroup

    segue una logica di data hub che restituisce dati univoci e condivisibili da tutte le funzioni dell’Ente consentendo di avere un’unica visione sempre aggiornata dello status di ogni soggetto, immobile o geografia del territorio;

  2. l’integrazione con le banche dati esterne come l’Anpr o il Catasto, consente di realizzare analisi strategiche (es. capire in che zona del territorio è meglio collocare un asilo nido).

Per aiutare i Comuni a prendere consapevolezza della propria maturità digitale, spiega Zanella, Dedagroup ha invece elaborato il Ca.Re – Indice di Cambiamento Realizzato (figura 1): “Segue la falsa riga del Desi, il Digital Economy & Society Index della Commissione Europea, e valuta quattro aspetti: competenze digitali del personale; capacità di erogare servizi digitali; trasparenza e apertura del comune; integrazione con i sistemi nazionali”.

Per approfondire queste tematiche vai alla sezione Approfondimenti “E-government – forum pa 2016”

Valentina Bucci

Giornalista

Giornalista pubblicista, per ZeroUno scrive dei cambiamenti che la digitalizzazione sta imponendo alle imprese sul piano tecnologico, organizzativo, culturale e segue in particolare i temi: Sicurezza Informatica, Smart Working, Collaboration, Big data, Iot. Master in Giornalismo e comunicazione istituzionale della scienza (Università di Ferrara), laurea specialistica in Culture Moderne Comparate (Università di Bergamo).

Data Driven Administration: la ricetta Dedagroup

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 3