Il ruolo di Vertiv nella battaglia al Covid

pittogramma Zerouno

News

Il ruolo di Vertiv nella battaglia al Covid

La responsabilità di garantire che i calcoli di decodifica per il Covid19 elaborati dal Marconi-100 continuino senza interruzioni è affidata alla tecnologia del vendor

11 Feb 2022

di Redazione

Vertiv è partner per le infrastrutture critiche di Cineca da oltre 30 anni. Cineca ospita il più grande data center italiano e uno dei più potenti supercomputer del mondo: il Marconi-100. Tale supercomputer sta collaborando alla lotta contro il Covid, nello specifico, i ricercatori di Cineca stanno usando il Marconi-100 per simulare il comportamento delle proteine che permettono al coronavirus di replicarsi. Usando questi dati, eseguono test virtuali per trovare le molecole farmacologiche più efficaci nell’inibire il virus e collaborano con i ricercatori farmaceutici per diminuire i tempi di sviluppo dei farmaci terapeutici.

Questo è un progetto computazionale enorme. Ogni proteina richiede almeno una settimana di simulazione continua su 16 nodi del Marconi-100, un processo che richiederebbe almeno quattro mesi su un computer standard. Da oltre un anno, il supercomputer di Cineca ha eseguito milioni di miliardi di operazioni al secondo in uno sforzo non-stop per aiutare gli scienziati a studiare il Coronavirus e a combattere la pandemia globale.

Non sorprende che il calcolo ad alte prestazioni (HPC) richiesto per questo progetto presenti una sfida unica in termini di consumo energetico e condizionamento. Il Marconi-100 è un nuovo cluster accelerato basato su architettura IBM Power9 e GPU NVIDIA Volta, che fornisce una capacità di calcolo di circa 32 PFlops e apre la strada ai supercomputer pre-exascale.

La responsabilità di garantire che questi calcoli di decodifica per il Covid19 continuino senza interruzioni è, appunto, affidata a Vertiv.

I sistemi di alimentazione e raffreddamento di Vertiv che proteggono il Marconi-100 e gli altri supercomputer del campus del Cineca sono tra le soluzioni infrastrutturali più robuste, sofisticate e affidabili al mondo.

Le unità di condizionamento Liebert XD, Liebert CRV e Liebert PDX, insieme ai refrigeratori freecooling Liebert HPC-M, mantengono le precise condizioni ambientali necessarie nei data center di Cineca.

Il gruppo di continuità (UPS) modulare Liebert Trinergy Cube controlla e regola l’energia che alimenta le strutture e protegge da picchi, sovratensioni o interruzioni impreviste che potrebbero compromettere la ricerca estremamente importante per salvare vite umane.

Mentre la disponibilità era il requisito centrale del Liebert Trinergy Cube, la modalità Dynamic Online del sistema consente un’elevata efficienza operativa fino al 99%, facendo risparmiare a Cineca migliaia di euro all’anno in costi energetici e riducendo notevolmente le corrispondenti emissioni di anidride carbonica (CO2), rispetto alle altre tradizionali tecnologie UPS.

Infine, Vertiv fornisce un ulteriore livello di protezione grazie al monitoraggio preventivo e alla diagnostica remota attraverso i propri Vertiv Life Services.

“Abbiamo scelto Vertiv Life Services – ha dichiarato Massimo Alessio Mauri, Responsabile Area Servizi Generali e Tecnici di Cineca – in quanto è risultato un servizio all’avanguardia e ha dimostrato numerose caratteristiche vantaggiose rispetto ai concorrenti. Inoltre, dopo l’installazione di Liebert Trinergy Cube, Vertiv Life Services si è rivelato uno strumento essenziale e di qualità per monitorare costantemente l’UPS e garantirne la massima disponibilità ed efficienza.”

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Covid
Il ruolo di Vertiv nella battaglia al Covid

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4