SPONSORED VIDEO

La control room nell’era digitale: a cosa serve e quali vantaggi

La control room nell’era digitale: a cosa serve e quali vantaggi


Indirizzo copiato


La digitalizzazione ha trasformato la sala di controllo che oggi trova molti campi di applicazione, supportando i team di lavoro nel prendere decisioni importanti grazie alla disponibilità in tempo reale di grandi moli di dati

Pubblicato il 21 mar 2024




Sulla spinta della trasformazione digitale, anche le control room si stanno evolvendo sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie. Marco Robbiani e Vincenzo Maresca, entrambi Business Developer presso Maticmind, raccontano come cambiano le sale di controllo e quali sono le opportunità per le aziende.

Cos’è la control room e come cambia

Come spiega Robbiani, le control room sono infrastrutture tecnologiche presenti in molte organizzazioni, che permettono alle squadre impegnate su determinati progetti o emergenze di prendere decisioni molto importanti, in brevissimo tempo. “Il processo decisionale – aggiunge – si basa sull’osservazione di diverse tipologie di contenuti, che spaziano dalle immagini ai filmati fino alle rappresentazioni grafiche dei risultati analitici. All’interno delle control room, infatti, le informazioni rilevanti vengono proiettate su schermi di grandi dimensioni cosicché i gruppi di lavoro possono elaborare rapidamente nuove risposte al problema”.

Le sale di controllo vanno quindi immaginate come “stanze dei bottoni” dove un team di specialisti multidisciplinare collabora alla risoluzione delle criticità, con il supporto delle tecnologie. Ma come è cambiata la control room con l’avvento della digitalizzazione?

“Negli ultimi anni – suggerisce Maresca – le organizzazioni sono cambiate sull’onda della trasformazione digitale, quindi anche la control room si sono evolute. Sono state introdotte nuove tecnologie, ma soprattutto i processi sono stati digitalizzati. Ciò significa che la quantità di dati da gestire aumenta esponenzialmente”.

I campi di applicazione e la gestione degli input

Con la digitalizzazione, insomma, i decisori hanno a disposizione molte più informazioni, ma non solo: è cambiato anche il campo di applicazione della control room. “Tipicamente – prosegue Marsca – citando i settori di riferimento, si annoverano le Forze dell’Ordine, quindi l’Arma dei Carabinieri, la Polizia di Stato e così via. Tuttavia, oggi gli ambiti della control room sono svariati: ad esempio, il comparto dell’Energia e dei Trasporti per monitorare le infrastrutture; il settore dello Sport per garantire la sicurezza durante le grandi manifestazioni; oppure il campo della Finanza per analizzare una grossa mole di dati in tempo reale”.

Infine, un ultimo fattore di cambiamento delle sale di controllo riguarda la digitalizzazione degli input. “Fino allo scorso decennio – ricorda Marasca – la maggioranza dei segnali era analogica e richiedeva quindi meccanismi di gestione complessi. Oggi gli input sono soprattutto digitali e la sfida principale diventa la corretta integrazione di tutti i dati disponibili, affinché si abbia una visione chiara e completa del problema, supportando la collaborazione in tempo reale tra team di lavoro distribuiti in diverse sedi”.

I vantaggi della control room e le competenze necessarie

I vantaggi che le aziende possono ottenere dall’implementazione di una control room moderna sono molteplici.

“Le tecnologie digitali – suggerisce Robbiani – hanno permesso il superamento di diversi ostacoli. Il primo beneficio è la flessibilità: le organizzazioni possono implementare, integrare e dismettere diversi sistemi di control room in un unico ambiente, secondo le necessità contingenti. La facilità di utilizzo è un ulteriore vantaggio: infatti, come in qualsiasi altro ambito, il digitale permette una gestione estremamente semplificata anche della control room. Infine, grazie alla digitalizzazione, si ottiene una significativa riduzione dei costi per l’allestimento, l’ampliamento e la manutenzione della sala di controllo”.

Tuttavia, nonostante la semplificazione portata dalla digital transformation, la gestione della control room richiede conoscenze approfondite e diversificate. “La realizzazione di infrastruttura costantemente operativa – conclude Maresca – necessita di competenze specialistiche in vari ambiti: reti, trasmissioni audio-video, gestione applicativa e sicurezza, che rappresenta un nodo cruciale. In virtù dell’ampio portfolio di offerta e dell’expertise maturata, Maticmind può essere un partner ideale per la realizzazione della control room, offrendo un supporto completo in tutti gli ambiti tecnologici coinvolti”.

Articoli correlati

Articolo 1 di 4