Mobile IoT: disponibile in Italia Vodafone CAT-M

pittogramma Zerouno

News

Mobile IoT: disponibile in Italia Vodafone CAT-M

La prima azienda che utilizzato questa tecnologia è Raliacom, che l’ha integrata nei sistemi di localizzazione delle flotte 

04 Lug 2022

di Redazione

Vodafone ha presentato la tecnologia CAT-M per l’IoT in mobilità (o LPWA Low-Power Wide-Area). Tale tecnologia utilizza la rete cellulare 4G e rispetto al Narrowband IoT si caratterizza per un’ampia copertura, performance stabili anche in mobilità e una capacità di trasmissione dati elevata che insieme ne fanno la tecnologia ideale per soluzioni IoT in mobilità.

A cosa serve CAT-M

Complementare al Narrowband IoT, CAT-M contribuirà in modo significativo nei prossimi anni allo sviluppo delle smart cities, anche in ambiti strategici quali mobilità e sanità. Con questa nuova tecnologia Vodafone vuole confermarsi un player di riferimento nel mercato della connettività IoT, come già riconosciuto anche dall’osservatorio di Gartner che per l’ottavo anno consecutivo ha posizionato Vodafone come “Leader” nel Magic Quadrant for IoT Connectivity Services.

INFOGRAFICA
Manufacturing verso l’Industry 5.0: sfrutta i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
Digital Transformation

CAT-M (o LTE-M) si aggiunge alle tecnologie che Vodafone già offre alle aziende quali LTE, che consente alle persone di scambiare dati tramite i propri smartphone, Narrowband IoT, che garantisce ampia copertura a velocità e consumi di energia ridotti per le comunicazioni Machine-to-Machine (M2M), e 5G, che offre latenze inferiori ai 10 millisecondi e banda ultra-larga per applicazioni in tempo reale o con contenuti in alta definizione.

Con CAT-M i dati degli oggetti in movimento vengono trasferiti con tempi di latenza inferiori e velocità superiori rispetto al Narrowband IoT, caratteristiche che la rendono una tecnologia particolarmente adatta allo scambio di piccole e medie quantità di dati in mobilità, con una velocità massima di 0.8 megabit al secondo.

Fra le possibili applicazioni di questa tecnologia ci sono quelle in ambito mobilità, per esempio per la gestione di flotte di autoveicoli attraverso l’utilizzo di applicativi di tracciamento, l’ambito del tracking con il monitoraggio di asset come container e pallet nel settore della logistica, oppure il monitoraggio tempestivo delle catene di approvvigionamento per ridurre gli sprechi e migliorare l’efficienza dell’intera supply chain.

La tecnologia CAT-M abilita inoltre le smart home, collegando in rete elettrodomestici e sistemi di allarme per una gestione intelligente dell’alimentazione energetica e per una precoce rilevazione dei pericoli.

CAT-M abilita infine i dispositivi indossabili (i cosiddetti wearables) e alcune importanti applicazioni di telemedicina, consentendo un monitoraggio continuo delle funzioni vitali e sanitarie garantendo la massima sicurezza nella trasmissione di dati grazie alla crittografia end-to-end dello standard LTE.

L’esperienza di Raliacom

La prima azienda in Italia ad aver integrato la tecnologia CAT-M di Vodafone è Raliacom, realtà vicentina che realizza prodotti per la localizzazione e il controllo remoto di veicoli, impianti industriali e wearables da polso salvavita per anziani.

Grazie alla tecnologia e al supporto di Vodafone, Raliacom ha dunque implementato la tecnologia CAT-M sia sui suoi sistemi di localizzazione delle flotte sia sui bracciali salvavita Seremy per il settore dell’assistenza anziani (elderly care) che permettono di monitorare lo stato di salute e la localizzazione puntuale della persona in caso di allarme.

Lo sviluppo della tecnologia CAT-M sul territorio italiano fa parte di un piano di copertura più ampio del Gruppo Vodafone che ha già implementato e reso disponibile CAT-M in Olanda, Germania e Ungheria.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4