HPE SimpliVity, le ultime evoluzioni in ambito Edge-to-Cloud | ZeroUno

HPE SimpliVity, le ultime evoluzioni in ambito Edge-to-Cloud

pittogramma Zerouno

News

HPE SimpliVity, le ultime evoluzioni in ambito Edge-to-Cloud

Data protection completa, back up centralizzato ai fini della compliance sono alcune delle novità che caratterizzano la soluzione HPE

16 Mar 2021

di Redazione

HPE SimpliVity è stato rinnovato includendo evoluzioni nella protezione dei dati con il backup nativo verso il cloud e il backup centralizzato ai fini della compliance. Inoltre, HPE ha annunciato il supporto dei container per l’esecuzione di applicazioni cloud-native.

Data protection completa dall’Edge al cloud

HPE SimpliVity è progettato con funzionalità di resilienza e data protection che offrono alta disponibilità e ripristino immediato per i workload all’Edge, compresi i database e la general virtualization.

WEBINAR
16 Novembre 2021 - 12:00
Vantaggi e necessità di una rete moderna e flessibile. Approfondiamo insieme agli esperti!
Cloud
Cloud storage

Integrati, i backup remoti in una federation HPE SimpliVity multi-site consentono un ripristino rapido ed efficiente per le applicazioni in siti distribuiti. Con HPE SimpliVity, il backup dei dati delle VM è eseguito velocemente e in automatico su un diverso nodo, quindi se un nodo cade, le aziende non subiscono mai un’interruzione. Infatti, una VM da 1TB può essere sottoposta a backup o ripristinata in meno di 60 secondi. Questo è fondamentale per garantire la continuità aziendale in caso di disastri naturali o per proteggere i dati dalle minacce alla sicurezza come il ransomware.

Estensione della data protection al cloud

HPE SimpliVity con HPE Cloud Volumes Backup offre un backup semplice, efficiente e flessibile direttamente nel cloud. Questa soluzione consente a più siti Edge di eseguire il backup verso il cloud in modo sicuro in tre semplici clic o tramite policy automation direttamente dal vCenter, senza che siano necessari software di backup o infrastrutture hardware aggiuntive.

I backup possono essere semplicemente ripristinati su più siti Edge senza alcun costo di uscita, a differenza di altri cloud. HPE Cloud Volumes Backup ottimizza i costi con una tariffazione basata sul consumo, un trasferimento dei dati minimo per un uso efficiente della larghezza di banda e un’efficiente archiviazione dei dati nel cloud.

Backup centralizzato ed economico per retention e compliance a lungo termine

L’integrazione avanzata di HPE SimpliVity con HPE StoreOnce riduce la complessità, i costi e i rischi proteggendo i siti Edge distribuiti con policy automatizzate e app-aware per replicare in modo semplice ed efficiente le applicazioni e i dati direttamente su una appliance HPE StoreOnce centralizzata.

HPE SimpliVity con HPE StoreOnce è ideale per i clienti con criteri rigorosi di compliance o retention service level agreements (SLAs) a lungo termine sui dati. Le aziende possono creare o aggiornare le policy di backup edge to core in meno di un minuto per migliaia di VM in decine di siti, eseguire facilmente il backup e il ripristino dei dati in tre semplici clic e raggiungere abitualmente il ratio di deduplica di 20:1 con conseguente elevata efficienza dei dati.

“I nostri clienti con attività in ambienti Edge – ha dichiarato Omer Asad, VP & GM, HCI, Primary Storage and Data Management Services, HPE – si rivolgono a HPE SimpliVity per la sua facilità d’uso e l’eccezionale economicità. Stiamo continuando a investire e a sviluppare nuove capacità per HPE SimpliVity per permettere ai clienti di sfruttare i dati basati su Edge e container per innovare, accelerare il rilascio di nuove applicazioni e fornire esperienze differenziate ai clienti”.

Modernizzazione delle applicazioni per l’Edge

In tutti i settori, le organizzazioni stanno trasformando il modo in cui sviluppano e distribuiscono le applicazioni nel cloud ibrido, con l’IT che ha bisogno di un’infrastruttura più agile, più automatizzata e policy-driven per supportare la virtualizzazione in evoluzione e le architetture basate su container.

Per le applicazioni cloud native e i container, le organizzazioni hanno bisogno di uno storage persistente per le applicazioni stateful, e richiedono un’infrastruttura software-defined che consenta l’automazione self-service per gli sviluppatori. I framework basati su container, come Kubernetes, non sono solo costruiti e distribuiti nel data center, ma anche nell’Edge.

HPE SimpliVity ora supporta il driver Container Storage Interface (CSI) per Kubernetes per eseguire workload basati su container nell’Edge. HPE offre un’esperienza semplice e unificata tra HPE SimpliVity e Kubernetes per accelerare il percorso verso un’architettura basata sui container.

Avere il supporto per CSI e volumi persistenti permette sia ai workload delle VM che dei container di essere eseguiti sulla stessa piattaforma HCI nei siti Edge, il che elimina la necessità di un’infrastruttura dedicata ai container.

Per i siti Edge e remoti, i clienti ottengono un’esperienza di gestione semplificata e una data protection differenziata con la possibilità di eseguire il backup o il ripristino dei volumi persistenti in meno di un minuto, migliorando le applicazioni cloud native distribuite sui container.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Backup
R
Ransomware
HPE SimpliVity, le ultime evoluzioni in ambito Edge-to-Cloud

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4